A.C.A.I. – Associazione Cristiana Artigiani Italiani

L’A.C.A.I. è un’Associazione Professionale di categoria. Essa rappresenta ed associa i titolari delle imprese artigiane e delle piccole imprese, i Consorzi, le Cooperative artigiane ed i loro soci, gli esercenti le attività artigianali del territorio e dei Servizi, i piccoli e medi imprenditori autonomi, le imprese ausiliari del Commercio artigianale, i lavoratori autonomi in genere e gli esercenti le attività artistiche e professionali ed ogni appartenente a categorie che operano nell’ambito degli scopi sociali. L’A.C.A.I., nella definizione della sua identità e dei suoi progetti, si ispira al messaggio evangelico ed alla Dottrina sociale della Chiesa. Si adopera per promuovere e realizzare i principi che la Dottrina sociale della Chiesa contiene per la edificazione di una società in cui il primato della persona umana sia il cardine di ogni attività economica, sociale e politica.

Sito web: http://www.acainazionale.it/

AFSAI – Associazione per la Formazione, le attività e gli Scambi Interculturali

L’AFSAI (Associazione per la Formazione gli Scambi e le Attività Interculturali) ente no-profit fondato nel 1958 e riconosciuto con D.P.R. n° 922 del 27 maggio 1971, opera nell’ambito della mobilità giovanile internazionale quale strumento di educazione non-formale e della formazione extra-scolastica della persona, ideando, promuovendo e realizzando progetti di scambio interculturale e di volontariato giovanile. I progetti ideati, promossi e realizzati dall’AFSAI sono sostenuti finanziariamente, oltre che dai soci dell’associazione, dall’Unione Europea, dal Consiglio d’Europa e dalle Amministrazioni Locali, Regionali e Nazionali italiane. La struttura dell’Afsai è basata sul volontariato dei propri soci: la stragrande maggioranza di essi sono giovani che hanno già partecipato ad uno dei programmi proposti dall’Associazione e svolgono la loro attività di volontariato riuniti in Comitati Locali e/o Commissioni istituite duranti i lavori dell’Assemblea Generale.

I Comitati Locali sono coadiuvati da un Ufficio di Coordinamento Nazionale che coopera strettamente con il Consiglio di Amministrazione dell’Associazione. L’organo decisionale supremo dell’Afsai è l’annuale Assemblea Generale dei Soci che, oltre a deliberare sui programmi, gli orientamenti ed i bilanci di gestione, provvede anche ad eleggere i membri del Consiglio di Amministrazione. Un piccolo nucleo di professionisti opera invece presso l’Ufficio di Coordinamento Nazionale, occupandosi della gestione amministrativa, di dare seguito alle delibere dell’Assemblea Generale dei Soci e del Consiglio di Amministrazione, di organizzare e di coordinare i programmi associativi, di raccordare il lavoro dei volontari nei vari Comitati Locali, di tenere le relazioni internazionali e di curare i contatti nazionali con i vari partner dell’Afsai.

L’Afsai, ente senza scopo di lucro, basa la maggior parte delle entrate del proprio bilancio sui contributi assegnati da enti pubblici e privati in favore della realizzazione dei programmi associativi ed, in piccola parte, sui contributi finanziari offerti dai soci per la partecipazione ai programmi stessi. Le uscite sono invece relative alle spese di gestione della struttura associativa, alle spese di amministrazione generale e alla pianificazione e gestione dei programmi.

Sito web: http://www.afsai.it/

AICS – Associazione Italiana Cultura e Sport

L’AICS (Associazione Italiana Cultura Sport) nasce nel 1962 come ente nazionale di promozione sportiva. Nel corso degli anni estende il raggio d’azione alle aree della cultura, delle politiche sociali, del terzo settore, del turismo, dell’ambiente, della protezione civile, della formazione. Attraverso la CSIT (Confédération Sportive Internationale du Travail), la FISpT (Fédération Internationale du Sport pour Tous), il BITS (Bureau International du Tourisme Social) intrattiene una considerevole rete di relazioni a livello internazionale. Il 13° Congresso Nazionale ha delineato il ruolo propositivo e movimentista dell’AICS sui nuovi scenari della promozione sportiva e dell’associazionismo sociale.

Saldamente ancorata alle radici dell’umanesimo laico e coerente alle etiche della sua memoria storica l’AICS avverte l’esigenza, non più procrastinabile, di adeguare idealità e pragmatismo ai profondi e rapidi cambiamenti in atto nella società complessa. L’AICS rivolge una particolare attenzione verso linee di tendenza emergenti dalle grandi aree di sensibilità sociale.

Lo sport si è dimensionato, in questi ultimi anni, quale fenomeno di costume e di massa. Nell’immaginario collettivo il “movimento” è diventato componente ecologica dell’ambiente e della mente, momento di partecipazione e di integrazione, antidoto terapeutico contro patologie psico-sociali ormai endemiche. L’AICS é riconosciuta dal CONI quale Ente Nazionale di Promozione Sportiva, dal Ministero dell’Interno quale Ente con finalità assistenziali, dal Ministero del Lavoro quale Ente di Promozione Sociale e dal Ministero della Solidarietà Sociale per l’attività a favore degli immigrati.

E’ convenzionata con il Ministero della Giustizia per le attività di prevenzione del disagio giovanile e di reinserimento sociale.

Sito web: http://www.aics.info/

AICEM

L’AICEM – Associazione Italiana Cooperazione per l’Educazione nel Mondo è un’associazione giovanile, nata nel 2009 dalla volontà di studenti universitari, neo laureati e giovani professionisti, con la missione di diffondere fra i giovani, in Italia e all’estero, la cultura della cooperazione partecipata, della cittadinanza attiva e dell’inclusione sociale attraverso l’azione formativa ed
educativa di progetti sociali incentrati sull’utilizzo di metodologie non formali. L’associazione mette a disposizione le proprie capacità, competenze, immaginazione, energia e passione per creare nuovi modelli sociali e culturali in cui tutti conoscano e rispettino i Diritti Umani e si riconoscano in prima persona come attori di cambiamento nella propria realtà sociale.
L’AICEM persegue le sue finalità attraverso la realizzazione di progetti culturali, che possano spaziare dai convegni ai seminari, dalle attività di sensibilizzazione e formazione nelle scuole, passando per i workshop e le mostre, per terminare con la promozione di grandi partenariati internazionali in Italia e in altri paesi. Inoltre l’associazione si fa promotrice di progetti di cooperazione e sviluppo sociale economico nel territorio italiano, europeo e internazionale. In particolare pone molta sensibilità alla partecipazione, ma anche organizzazione, di scambi giovanili a livello internazionale. L’associazione è attualmente sia hosting che sending di progetti del Corpo Europeo di Solidarietà ed ente di formazione per tirocini curricolari e non.
L’attenzione per la comunicazione, i media ed in generale la gestione dei flussi comunicativi e d’informazione, incentrano i lavori e le attività dell’associazione, al fine del miglior raggiungimento dei fini e degli obiettivi prefissati.
S’impegna inoltre ad utilizzare in modalità sinergica ma responsabile i nuovi social media e social networks ben sapendo che l’uso corretto e consapevole dei flussi informativi e relazionali che viaggiano sulla rete internet globale possono rivalersi la chiave fondamentale per un futuro migliore.
L’AICEM s’impegna a supportare la crescita personale ed emozionale di ogni suo associato. Per raggiungere tale scopo ogni associato è invitato a pensare, sviluppare, promuovere e gestire un proprio progetto sociale, in linea con il mandato statutario, di durata annuale con il supporto di tutta la struttura. È invitato allo stesso modo a supportare con le proprie conoscenze e capacità i progetti e le attività degli altri associati.

Sito web: www.aicem.it

AIESEC italia

Quella che nel 1948 nacque come un’organizzazione per aiutare lo sviluppo di “relazioni amichevoli” tra i Paesi membri è ora un’organizzazione internazionale che svolge numerose attività in 113 differenti Paesi e territori. I membri fondatori di AIESEC incominciarono l’istituzione dell’organizzazione tra il 1946 e il 1948, ma un’identità chiara fu definita nel 1948 e più tardi nel 1949 al Congresso di Stoccolma. 89 studenti participarono nell’Exchange Program nel 1949 e lo scambio fu definito come l’attività principale dell’organizzazione.

Negli anni successivi sempre più Paesi vivono il network e AIESEC diviene globale in brevissimo tempo essendo presente in tutti i continenti. Il numero di studenti ed organizzazioni coinvolti nel programma di scambio crescono rapidamente e costantemente, raggiungendo 2467 scambi alla fine degli anni ’60 e 4232 alla fine degli anni ’70.

Al Congresso Internazionale di Bordeaux del 1974, un’importante mozione fu approvata: la durata minima dello stage deve essere di 6 settimane. Questa misura aumentava la qualità dei nostri scambi. Nel 1976 fu stabilito un Programma Internazionale che focalizzava tutti i seminari internazionali, regionali e locali su specifici argomenti. L’idea continuò e crebbe attraverso i vari stages.

Dopo questo il focus dell’organizzazione fu indirizzato verso tematiche globali all’interno del tradizionale Programma di scambio. Temi come Commercio Internazionale, Management Education, Sviluppo Sostenibile, Imprenditorialità e Responsabilità d’Impresa furono discussi durante i seminari locali, nazionali e internazionali.

Alla fine degli anni ’90 il dibattito sulla rilevanza dell’organizzazione portò l’Exchange Program nell’agenda principale e sempre più forza fu messa nell’assicurare la crescita in quest’area.

Furono sviluppati sistemi informatici per rendere il sistema più facile e veloce. Insight I venne lanciato nel 1997 e Insight II nel 2001. Appena il focus dell’organizazione si concentrò nuovamente sul programma Exchange, il numero degli scambi iniziò a crescere.

Alla ricerca di maggiore rilevanza, oggigiorno AIESEC è la piattaforma internazionale per i giovani per scoprire e sviluppare il loro potenziale. Il nostro approccio innovativo nello sviluppare i giovani si focalizza sulla presa di un ruolo proattivo, sullo sviluppo di una visione personale e di autoconsapevolezza, sulla costruzione di networks, e sulla capacità di apportare il cambiamento. Facciamo questo attraverso una piattaforma internazionale di opportunità che fornisce circa 7.700 occasioni di leadership, 5.500 occasioni di lavorare all’estero, 470 conferenze, e strumenti virtuali per costruire networks.

Sito web: http://aiesec.it

A.I.G – Associazione Italiana Alberghi Gioventù

L’A.I.G. – Associazione Italiana Alberghi per la Gioventù – ha per scopo istituzionale la promozione del turismo giovanile, attraverso la realizzazione e la gestione degli Ostelli per la Gioventù, e l’attuazione di ogni altra iniziativa idonea a favorire il miglioramento morale, culturale e fisico della gioventù mediante la pratica del turismo, considerato mezzo insostituibile per la promozione sociale dei giovani e per favorirne la reciproca conoscenza e quindi l’affermazione dei sentimenti universali di pace e di fraterna solidarietà.

Amesci

Amesci è un’Associazione di Promozione Sociale (iscritta al Registro Nazionale delle APS presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) di carattere giovanile che ha come missione fondante lo sviluppo di capitale umano attraverso l’empowerment delle giovani generazioni. Realizza, in tutta Italia e numerosi Paesi esteri, attività formative, progettuali e di networking che aiutano i giovani a sviluppare conoscenze, capacità e metacompetenze, promuovendo una generazione di cittadini che sappiano coniugare, nel loro agire, professionalità e responsabilità sociale. I nostri ambiti di intervento primari sono il Servizio Civile, la formazione formale, non formale ed informale, la mediazione territoriale e il networking tra istituzioni e comunità locali, la promozione culturale, le politiche di integrazione, la Protezione Civile, Io sviluppo dell’imprenditoria sociale, gli scambi internazionali, il lifelong learning.

Tra le linee di azione più significative vanno menzionati i progetti di Servizio Civile realizzati da Amesci che hanno interessato, dal 2002 al 2016, più di 16.000 giovani su oltre 3.400 sedi di attuazione distribuite in tutte le regioni d’Italia e in 16 Paesi esteri.

Tali progettualità in campo socio-assistenziale, ambientale, educativo, sportivo, culturale e della protezione civile, anche di natura pluriennale, hanno ottenuto numerosi riconoscimenti per la valenza formativa ed esperienziale, tra cui quello dell’Università La Sapienza di Roma, quelli delle Università Federico Il, L’Orientale e la S.U.N. (Seconda Università degli Studi) di Napoli. Un’esperienza che nel settembre 2006 ha portato ad Amesci la prima certificazione ISO 9001:2000 in Italia per il sistema di gestione del Servizio Civile. In ambito internazionale ha ideato e gestito numerosi progetti di scambi giovanili e seminari di formazione interculturali finanziati dall’Unione Europea (Programmi “Gioventù”, “Euromed” e “Gioventù in azione”). Inoltre è stato l’unico partner italiano di “Ile – Local Initiatives for the Environment in the Mediterranean”, un progetto internazionale di lungo periodo volto a costituire l’Università Mediterranea dell’eco-volontariato.

Nell’ambito della Protezione Civile, tra i tanti progetti, nel 2006 Amesci ha partecipato ad una “Call for Proposal” della Direzione Generale per l’Ambiente della Commissione Europea nel campo del meccanismo Comunitario per la cooperazione europea di Protezione Civile che ha portato al progetto “Somma Vesuvio Mesimex”. Promosso e gestito insieme alla Regione Campania e al Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, il progetto ha visto la partecipazione di 4 Paesi della Comunità Europea, di tutti i 18 Comuni della Zona Rossa vesuviana e oltre 2.000 volontari italiani ed europei.

Dal 2008 al 2012 Amesci ha ricevuto dall’Agenzia Nazionale per i Giovani l’affidamento della gestione dei Seminari di valutazione intermedia (Mid Term Evaluation) per i giovani provenienti da tutti i paesi europei che svolgono progetti di Servizio Volontario Europeo in Italia, nell’ambito dell’Azione 2 del programma comunitario Gioventù in Azione e della gestione dei Seminari di valutazione finale destinata ai volontari italiani tornati in Italia al termine dei loro progetti di Servizio Volontario Europeo. Per i bienni 2013/2014 e 201672017 l’ANG ha affidato ad Amesci la formazione all’arrivo (C.O.A.T.) dei circa 1.000 giovani che sceglieranno di fare la loro esperienza di volontariato europeo in Italia. Dal 2007 Amesci è impegnata direttamente nella diffusione della cultura della legalità, anche in collaborazione con associazioni e istituzioni. In particolare, ha realizzato il progetto“Legal – mente: giovani a scuola di legalità”, finanziato nell’ambito dei fondi di perequazione del Centro Servizi per il Volontariato di Napoli che ha coinvolto numerose scuole primarie e secondarie. Attraverso un’azione ispirata al binomio educazione non formale – legalità, il progetto ha favorito tra i giovani studenti l’informazione sui temi della lotta alle mafie ed il rafforzamento dello spirito di partecipazione e di cittadinanza attiva.

Amesci inoltre presiede, sin dalla sua fondazione, il Forum Nazionale Servizio Civile e, per il suo impegno in questo ambito, dal 2013 ha il coordinamento della Commissione Legalità, Cittadinanza attiva, Servizio Civile istituita presso il Forum Nazionale Giovani, il più importante organismo rappresentativo dell’associazionismo giovanile in Italia. Amesci è dal 2008 detentrice del marchio “Laboratorio di Servizio Civile®”, attraverso il quale sviluppa attività culturali, di educazione e di formazione. Nati per stimolare la partecipazione dei giovani a progetti di cittadinanza attiva, i progetti di Laboratorio di Servizio Civile rappresentano una forma di partecipazione e di scambio che consente ai giovani di contribuire allo sviluppo sociale e culturale della propria comunità trovando, al tempo stesso, una gratificazione personale e un riscontro concreto alle esigenze di formazione e di orientamento al mondo del lavoro.

Nel 2010 Amesci ha lanciato, inoltre, la campagna Cittadini 2.0. Nata sotto forma di progetto pilota cofinanziato nel 2010 dal Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri e con il patrocinio del Forum Nazionale dei Giovani, la campagna punta alla promozione di nuove forme di cittadinanza attiva dei giovani che, recependo le indicazioni contenute nella Carta Europea della partecipazione giovanile alla vita locale e regionale, sviluppa attività e servizi realizzati dai giovani per i giovani, in stretta collaborazione con gli enti locali e le università.

Sito web: http://www.amesci.org/

ARCI

Siamo una grande associazione popolare. Nasciamo nel 1957 a Firenze: cinquemila circoli, più di un milione di soci.

Donne e uomini che hanno liberamente scelto di impegnarsi per promuovere emancipazione attraverso l’autorganizzazione e la partecipazione. Siamo eredi di un’antica tradizione mutualistica e di una lunga storia associativa, quella dei movimenti popolari e antifascisti che hanno contribuito a costruire e consolidare la democrazia italiana fondata sulla Costituzione.

Crediamo nella libertà e nella dignità di ogni essere umano, nell’uguaglianza dei diritti e nella giustizia sociale, nel rispetto delle differenze, nei diritti della Terra, nella convivenza e nell’uguaglianza fra i popoli. Crediamo nel valore della conoscenza e delle culture, nella libertà di pensiero e di espressione. Crediamo in una società nonviolenta, accogliente e solidale, laica e pluralista, capace di realizzare convivenza e coesione sociale. Crediamo che sia possibile assicurare a tutti e tutte benessere, distribuire in modo equo le risorse, vincolare l’economia al rispetto dei beni comuni, dell’ambiente, dei diritti sociali e del lavoro.

I nostri circoli operano per l’animazione sociale e culturale delle comunità locali, immersi nei mutamenti che le attraversano; sono un laboratorio di idee e di pratiche per il cambiamento. Promuovono ricreazione e cultura, buona socialità, qualità delle relazioni umane e degli stili di vita, cultura e pratica dei diritti, responsabilità e cittadinanza attiva, con una particolare attenzione al mondo giovanile. Sono infatti molte le associazioni e i circoli animati da giovani donne e uomini che con le loro attività elaborano proposte, iniziative, dibattiti, incontri, momenti ricreativi e di analisi per contribuire a un futuro migliore.

Facciamo associazionismo per promuovere e favorire l’azione collettiva dei cittadini nell’interesse generale. Operiamo per promuovere il diritto al libero associazionismo, il volontariato, lo sviluppo del terzo settore e dell’economia civile, la sussidiarietà e la piena realizzazione della democrazia partecipativa.

In particolar modo, all’interno dell’associazione, viene data particolare rilevanza a politiche e iniziative per la promozione del protagonismo giovanile perché riteniamo essenziale che i giovani siano protagonisti dello sviluppo attraverso la partecipazione alla propria comunità, la realizzazione di percorsi di crescita personale, la qualificazione del tempo libero. Pensiamo sia necessario che i giovani sviluppino la propria autonomia e cittadinanza attiva attraverso la sperimentazione di nuove forme di accompagnamento al mondo della formazione e del lavoro e che possano sperimentare l’impegno sociale attraverso la dimensione valoriale del volontariato e della solidarietà.

Sito web: www.arci.it

ARCIGAY

“Arcigay è la principale associazione LGBTI italiana senza scopo di lucro e la più grande per numero di volontar* e attivist* su tutto il territorio nazionale. Dal 1985 si batte per la parità dei diritti, l’autodeterminazione, il superamento di stereotipi e pregiudizi nei confronti delle persone LGBTI, e contro ogni forma di discriminazione. Opera su tutto il territorio nazionale attraverso i suoi 67 comitati territoriali e associazioni aderenti, grazie alla partecipazione di migliaia di volontar* e attivist*, persone LGBTI e non, che sono mobilitat* per dare concretezza agli obiettivi e alle attività dell’associazione sia a livello locale sia a livello nazionale.

Arcigay promuove e tutela la parità dei diritti, afferma principi e relazioni di solidarietà, lotta contro ogni forma di violenza, discriminazione e violazione dei diritti umani e civili delle persone LGBTI. Si batte per il cambiamento politico, normativo, culturale e sociale attraverso attività di lobbying, advocacy, campagne di sensibilizzazione e informazione, contributo alle politiche pubbliche di settore, iniziative, programmi, progetti, presenza nel dibattito pubblico e capacità di aggregazione e mobilitazione. Si occupa da sempre di politiche giovanili e dal 2015 ha costituito la rete Arcigay Giovani: un modo per unire i gruppi giovani esistenti e dare voce e rappresentanza a* giovani LGBTI. La rete Arcigay Giovani, sia a livello locale sia a livello nazionale, rappresenta uno spazio d’incontro, di supporto e di cittadinanza per i/le ragazzi/e dell’associazione e porta la specificità LGBTI nel mondo giovanile, universitario e delle politiche giovanili in generale.

Sito web: www.arcigay.it

ARCI RAGAZZI

Arciragazzi è un’associazione educativa a carattere nazionale, federata all’Arci, laica, senza fini di lucro che si avvale in modo determinante e prevalente dell’impegno personale e volontario dei propri aderenti per fini di solidarietà sociale. Le azioni che ne derivano hanno obiettivi prevalentemente educativi, formativi e di prevenzione delle diverse forme del disagio: sono direttamente o indirettamente volte al miglioramento delle condizioni di vita ambientale, sociale e culturale dei bambini/ bambine, ragazzi/ragazze, siano essi aderenti o meno all’Associazione.

ARCIRAGAZZI si ispira al principio laico della tolleranza ed agli ideali della democrazia partecipativa come processo educativo che fa proprio il principio della inclusione nel rispetto delle minoranze, interpretati alla luce dei valori della solidarietà e della giustizia sociale.

ARCIRAGAZZI si impegna autonomamente ed a fianco di singoli cittadini e di altre organizzazioni attive sul piano locale, nazionale e mondiale per :

• una società basata su un equilibrato rapporto uomo – natura
• un uso più razionale ed una ripartizione più equa delle risorse naturali ed umane nel mondo ed una struttura di relazione internazionale fondata sulla cooperazione e sul rifiuto assoluto ed incondizionato della guerra ;
• un modello di sviluppo economico e tecnico orientato in senso ecologico, diverso dall’attuale dominato dalla logica del mercato e del profitto, che conduce alla distruzione delle risorse naturali, all’alienazione dell’uomo, a nuove disuguaglianze e povertà, ad intollerabili emarginazioni ;
• una democrazia dei diritti politici, civili e sociali per ogni uomo ed ogni donna in tutti i paesi del mondo ;
• l’attuazione e l’ulteriore estensione della CARTA DEI DIRITTI DELL’UOMO E DELLA CONVENZIONE INTERNAZIONALE SUI DIRITTI DELL’INFANZIA ;
• un’Europa dei Cittadini e del progresso sociale e culturale non subalterna a quella dei mercanti e del denaro ;
• lo sviluppo della vita associativa a livello locale, nazionale ed internazionale quale base indispensabile alla pratica della solidarietà, alla formazione del cittadino, all’educazione e alla responsabilità ;
• una considerazione appropriata della dignità e della personalità dei ragazzi-ragazze nel mondo adulto e nella società, attraverso attività che portino a realizzazioni concrete, socialmente riconosciute, decise e compiute insieme, in un rapporto di scambio assimilabile all’apprendistato, ma arricchito di uno spirito di libera iniziativa, di esplorazione, di gioco

ASI – Associazioni Sportive Sociali Italiane

Associazioni Sportive Sociali Italiane è stato fondato nell’aprile 1994 per iniziativa di un gruppo di dirigenti del Centro Nazionale Sportivo Fiamma. Nel luglio del 1994 è giunto il primo importante riconoscimento: quello di Ente di Promozione Sportiva da parte del CONI. Da quell’anno, l’ASI ha percorso molta strada. Dopo un primo periodo di generale diffusione sul territorio, con la Costituzione di Comitati Regionali e Comitati Provinciali in tutte le regioni e province italiane, sono stati formati anche settori tecnici nelle principali discipline sportive.

Altri importanti riconoscimenti si sono nel frattempo aggiunti: tra questi, quello di Ente Nazionale con Finalità Morali ed Assistenziali e quello di Associazione iscritta all’Albo Nazionale di Promozione Sociale. Nel 2004 è giunto anche il riconoscimento del Ministero dell’Ambiente come associazione di Protezione Ambientale. Nel 2005 l’ASI è stata iscritta all’Albo degli Enti di Servizio Civile Volontario e al “Registro delle associazioni e degli enti che svolgono attività nel campo della lotta alle discriminazioni”.

L’ASI è stata di recente determinate nella stesura della riforma Pescante, che ha permesso agli Enti di Promozione Sportiva di essere rappresentati all’interno della Giunta Esecutiva del CONI, e il 19 maggio del 2005 il Presidente di Associazioni Sportive Sociali Italiane, Claudio Barbaro è stato eletto con 37 voti favorevoli membro della Giunta Nazionale del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI). Oggi l’ASI è presente su tutto il territorio italiano e svolge un’intensa attività nel campo della promozione sportiva. Ogni giorno i Comitati Regionali e Provinciali, affiancati dai vari settori tecnici, continuano a portare avanti lo scopo istituzionale dell’Ente, cioè quello dello sviluppo della pratica sportiva attraverso le numerose società sportive affiliate. L’evoluzione della nostra società, l’impegno verso una sana forma fisica di tutti i cittadini hanno determinato nell’ambito dell’ASI l’ampliamento della propria attività anche nello sport amatoriale.

Nella pratica più prettamente agonistica l’ASI si è anche fatta interprete di una tradizione che per anni ha caratterizzato tutto un ambiente sportivo continuando a favorire l’impegno delle Società Sportive ad essa affiliate.

Sito web: http://www.asinazionale.it/

ASS.NE CULTURALE 25

L’associazione culturale 25 è formato da un gruppo di giovani intraprendenti che promuove iniziative presso gli atenei e sul territorio nazionale, con la finalità di calamitare l’attenzione su temi e problematiche considerati attuali e di pubblico interesse.

Il percorso universitario, nella maggior parte dei casi, risulta un’esperienza monocorde e priva di stimoli alternativi allo studio.
Chi fa parte di 25 è cosciente che la formazione culturale dell’
individuo passa attraverso confronti interpersonali di alto livello su temi innovativi, che spesso vengono affrontati solo dopo la laurea. Si cerca quindi di mettere i giovani a contatto con quelle che sono le più alte professionalità di settore, anticipando il percorso d’integrazione con il tessuto lavorativo locale ed europeo, favorendo perciò le relazioni con coloro che vivono giornalmente la realtà applicativa di ogni campo della conoscenza.

25 nasce nel settembre del 2002 e vanta già al suo attivo numerose iniziative. I principali argomenti trattati fino ad oggi con successo riguardano tematiche di tipo etico ,giuridico ,ambientale ,economico, urbanistico e sociologico.

Il gruppo di 25 collabora con illustri istituzioni ed importanti aziende per svolgere nel modo più serio e originale le proprie attività, puntando a valorizzare al massimo le capacità di chi ne è membro.
Attraverso il variegato percorso culturale che si sta affrontando, il prossimo traguardo sarà proporsi come movimento d’opinione, esprimendo tutte le posizioni maturate nei dibattiti promossi dai membri. I valori fondanti sono libertà, pluralismo e fiducia nell’individuo.

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIOVANI AL CENTRO

“GiovanialCentro” è un’associazione giovanile nazionale non a fini di lucro. Ha lo scopo di porre i ragazzi ‘al centro’ di tutti i processi decisionali che li riguardano proponendo percorsi di cittadinanza attiva delle giovani generazioni, facendo proposte agli Enti pubblici per un’adeguata gestione del potere a favore dei giovani, e intervenendo con campagne di sensibilizzazione e attività specifiche su problematiche sentite da questa fascia di popolazione.

In estrema sintesi, idee, proposte ed iniziative per garantire mobilità, formazione e benessere per i propri associati e per la comunità under 35.

L’Associazione ha sede a Torino e aderenti in tutto il territorio nazionale, è rappresentata nella Consulta Regionale dei Giovani presso il Consiglio Regionale del Piemonte

ASSOGIOVANI

L’associazione si è costituita nel maggio del 2004, e si occupa di promozione delle politiche giovanili, assistenza sociale e beneficenza, istruzione e formazione universitaria attraverso l’organizzazione di corsi, convegni, soggiorni di studio, favorisce ed incentiva iniziative culturali e ricreative, promuove lo sport dilettantistico, promuove la tutela, la promozione e la valorizzazione del patrimonio artistico e storico, promuove la tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente, ed infine si occupa anche di promozione della cultura e dell’arte

Twitter @AssoGiovani

Atena Mediterranea

L’Associazione Atena Mediterranea nasce dal volere comune di un gruppo di amici che hanno intrapreso il loro percorso di studi dentro l’Università Mediterranea di Reggio Calabria e che hanno come obiettivo quello di offrire alla collettività il proprio contributo di idee relativamente ai temi di dibattito nazionale e locale. Tra gli obiettivi dell’Associazione quello di conquistare maggiori spazi di autonomia e partecipazione soprattutto per le nuove generazioni nell’ottica di una piena attuazione dei diritti di uguaglianza e pari dignità sociale.

Facebook Atena Mediterranea 

AVIS NAZIONALE – CONSULTA NAZIONALE GIOVANI

In questi ultimi anni la Consulta Giovani è cresciuta grazie alla presenza di persone responsabili, attive e propositive in termini di idee e contributi e ha sempre collaborato con il Consiglio Nazionale. L’attuale organizzazione permette la rappresentanza dei giovani di tutte le regioni e riconosce alla Consulta un ruolo fondamentale, poiché elabora proposte in tema di politiche giovanili.

I componenti di tale organo rappresentano il futuro dell’Associazione, ma sono anche un presente carico di idee, destinate al bene comune e alla solidarietà. Questi volontari hanno dato un grosso contributo lavorativo, occupandosi di formazione dei Giovani Avis e facendosi anche promotori di manifestazioni ed eventi di sensibilizzazione al Dono del Sangue. Tutte queste iniziative, unitamente agli incontri conviviali, che costituiscono una valida occasione di confronto e crescita, rendono queste ragazze e ragazzi una parte integrante di AVIS, che vivono la vita associativa a tutti i livelli.

Per favorire nei giovani la consapevolezza di essere protagonisti dell’Associazione, è quindi indispensabile investire nella loro partecipazione costante non solo alle attività proposte dalla Consulta, ma a tutte quelle messe in atto sul territorio nazionale, ad ogni livello.

Il fine ultimo di tutte le azioni che riguardano i giovani è promuovere la cultura e la pratica della partecipazione sociale, quale elemento centrale e strumento insostituibile di solidarietà umana. Per perseguire questa mission AVIS, da diversi anni, realizza anche numerose e differenti esperienze di partecipazione giovanile, ovvero progetti di cittadinanza attiva, responsabile e partecipata, sia a livello nazionale, sia europeo. La Consulta intende sostenere momenti unici di incontro e confronto tra i volontari che vivono ed hanno vissuto tale esperienza, e tra quelli che potrebbero essere interessati a viverla in futuro, proprio al fine di valorizzare, e ulteriormente diffondere, il valore della cittadinanza partecipata giovanile attraverso il volontariato.

Sito web: http://www.avis.it

CGSI – Comitato Giovani Sordi Italiani

Il Comitato Giovani Sordi Italiani C.G.S.I., costituitosi il 14 maggio 1994 in Valle D’Aosta, sotto l’egida dell’Ente Nazionale Sordi (ENS) – Onlus, opera con criteri di assoluta apartiticità ed aconfessionalità e non persegue fini di lucro. Si ispira ai principi della democrazia, del pluralismo, dei diritti dei disabili e delle minoranze sanciti dalle leggi italiane e dalle direttive europee, nonché dai documenti e raccomandazioni delle Nazioni Unite, UNESCO, OIT e OMS. Il CGSI è un comitato che fa parte dell’Ente Nazionale Sordi con cui ne condivide gli obiettivi, primo tra tutti l’abbattimento delle Barriere della Comunicazione.

Gli obiettivi del CGSI sono:
– Piena autonomia dei giovani sordi italiani;
– Integrazione nel campo sociale, culturale, dell’istruzione e degli orientamenti politici;
– Riconoscimento di pari dignità e rispetto dei diritti per le persone sorde;
– Promozione dell’identità delle persone sorde;
– Riconoscimento della Lingua dei Segni Italiana;
– Accesso all’informazione, alla formazione e alla cittadinanza attiva.

Per il raggiungimento dei quali:
• Organizza attività culturali, formative e informative per i giovani sordi fino ai 30 anni d’età.
• Rappresenta e mette in risalto gli interessi morali dei giovani sordi italiani
• Promuove l’immagine del giovane Sordo;
• Promuove iniziative politiche e socio-culturali a livello nazionale e internazionale;
• Promuove la crescita, la piena autonomia, l’integrazione scolastica, professionale, lavorativa, e sociale dei sordi;
• Coordina con i Comitati Giovani Sordi Italiani a livello provinciale, regionale e internazionale (EUDY e WFDY);
• Tutela e valorizza l’identità sorda, la Lingua dei Segni e il bilinguismo.

Filosofia del CGSI:
Il CGSI valorizza le innate capacità del singolo puntando allo sviluppo integrale della persona sorda. Si adopera per favorire le condizioni affinchè i giovani sordi possano essere autonomi e protagonisti del proprio futuro.

Sito web: http://www.cgsi-italia.it

CGIL – Confederazione Generale Italiana del Lavoro

La Confederazione Generale Italiana del Lavoro è un’associazione di rappresentanza dei lavoratori e del lavoro. È la più antica organizzazione sindacale italiana ed è anche la maggiormente rappresentativa, con i suoi circa 6 milioni di iscritti, tra lavoratori, pensionati e giovani che entrano nel mondo del lavoro. La sede della CGIL svolge un importante ruolo di protezione del lavoro dal libero e incondizionato funzionamento del mercato. Lo fa attraverso l’opera incessante di costruzione e ricostruzione della solidarietà nel lavoro e tra i lavoratori, attraverso la pratica quotidiana fatta dall’impegno concreto di rappresentanza e di contrattazione. Quando è nata nel 1906 – ma le prime Camere del lavoro risalgono al 1891 – aveva duecentomila aderenti. Da allora ha mantenuto la doppia struttura: verticale, costituita dalle federazioni di categoria, e orizzontale, attraverso le Camere del lavoro. Attualmente le categorie nazionali sono 13 mentre le Camere del lavoro in tutto il territorio nazionale sono 134. La CGIL nazionale ha sede a Roma nella storica sede di Corso d’Italia 25. La sua storia è profondamente intrecciata alla storia del Paese: stipula, attraverso le organizzazioni di categoria, i contratti di lavoro e svolge allo stesso tempo un’azione di tutela, finalizzata a difendere, affermare e conquistare diritti individuali e collettivi, che vanno dai sistemi di welfare ai diritti sul posto di lavoro. La CGIL è affiliata alla Confederazione Europea dei Sindacati (Ces) e alla Confederazione Internazionale dei Sindacati (Ituc-Csi). L’attuale segretario generale è Susanna Camusso, eletta il 3 novembre 2010.

Sito web: www.cgil.it

Coldiretti

Coldiretti Giovani Impresa è la forza giovane del Paese; unica novità che conta nel mondo dell’impresa giovane che crea sviluppo nelle campagne italiane.

Lo raccontano le storie e i successi dei nostri giovani imprenditori che hanno contribuito a rendere il marchio “Italia” vincente agli occhi del mondo, con il progetto di una filiera agricola tutta italiana. Lo misura il termometro dell’innovazione che indica la spinta in avanti determinata dai nostri progetti, le nostre idee, i nostri risultati.

Lo dicono i paesaggi, i territori e la qualità di vita di tutte le famiglie che compongono la grande famiglia di Coldiretti e di quelle che si affidano alle nostre imprese per la crescita dei propri figli. Lo ricorda il coraggio dei nostri giovani che si mettono in gioco e lottano per fare vincere l’impresa sana che non teme di competere sulla forza del proprio prodotto e della propria fatica.

Lo testimoniano, infine, le pietre, campagne, piazze e strade del nostro Belpaese, dove eravamo presenti quando c’era da dare sostentamento alla gente per contribuire a fare grande l’Italia, e dove siamo presenti oggi perché abbiamo ancora qualcosa da suggerire e molto da fare per estendere la linea d’orizzonte delle possibilità e dove saremo per realizzarle.

Sito web: http://giovanimpresa.coldiretti.it/

Conferenza Nazionale degli Studenti degli ISSM (CNSI)

La Conferenza Nazionale degli Studenti degli ISSM (CNSI) è una Conferenza del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca della Repubblica Italiana. Tale Conferenza è istituita ai sensi del D.M. n. 261 del 3 aprile 2013. Compongono la CNSI i Presidenti delle Consulte degli ISSM (Conservatori e Istituti Superiori di Studi Musicali Italiani). CNSI, nel pieno rispetto delle competenze ministeriali e dell’autonomia delle singole Istituzioni ha come obiettivi: 
– Favorire il confronto e il raccordo – per il tramite dei propri Presidenti o delegati – fra le Consulte degli ISSM, affinché le istanze degli studenti possano essere raccolte, elaborate in linee comuni di indirizzo e rappresentate unitariamente nel confronto con soggetti istituzionali;
– Sensibilizzare il corpo studentesco degli ISSM italiani verso le tematiche e le iniziative di interesse comune;
– Creare e sostenere una rete di relazioni con le istituzioni nazionali e internazionali;
– Recepire e farsi interprete delle istanze degli studenti provenienti dal territorio;
– Vigilare e cooperare per l’effettiva attuazione dei diritti degli studenti degli ISSM.

Sito web: https://cnsissm.it/

Associazione culturale Elios 

Elios è un’organizzazione giovanile con sede ad Acireale (ITALIA) ed è stata fondata nel 2007 da alcuni amici che hanno deciso di ufficializzare le loro passioni ed il loro impegno nel campo dello sport, del volontariato, della promozione sociale e della vita universitaria.
Dal 2007 ELIOS organizza uno dei più importanti eventi sportivi della provincia di Catania, si chiama SUN&SPORT e coinvolge ogni estate circa 400 giovani che partecipano a tornei sportivi; Ogni anno il SUN&SPORT promuove un argomento principale che si adatta agli interessi giovanili: negli ultimi anni l’argomento principale relativo all’evento è stato “CONTRO LE NUOVE DIPENDENZE“. È stato deciso di adottare questo tema principale per promuovere, a diversi livelli, la sensibilizzazione al problema delle nuove dipendenze soprattutto per i giovani attraverso il SUN&SPORT e altre campagne promosse attraverso social media, conferenze, incontri di giovani e progetti locali.

Nel 2011 ELIOS è stata responsabile dell’attuazione del progetto “Inverti il ​​flusso – da nomadi del lavoro agli imprenditori del proprio futuro” finanziato dal Ministero della Gioventù italiano: il progetto ha coinvolto più di 300 giovani provenienti da tutta la regione che si sono resi protagonisti della ricerca di nuove strategie per sostenere l’occupazione giovanile attraverso la partecipazione attiva, attraverso la creazione di nuove idee imprenditoriali per combattere la disoccupazione.

Dal 2011 Elios partecipa anche a programmi europei (Youth in Action, Erasmus+, Europe for Citizens, ecc.) e grazie a loro ha ottenuto finanziamenti per diversi progetti incentrati sulla partecipazione giovanile, la cittadinanza attiva, la disoccupazione giovanile, l’uso sicuro delle nuove tecnologie e di Internet per i giovani, la protezione delle donne, l’educazione ai diritti umani, ecc.
Nell’ambito del programma Erasmus+, Elios ha sviluppato un corso di formazione nel novembre 2015 nella città di Acitrezza: il progetto ha visto 33 partecipanti provenienti da 11 diversi paesi europei discutere i temi della sicurezza online per i giovani, delle nuove dipendenze e dei rischi legati all’uso delle nuove tecnologie e delle nuove forme di comunicazione.
Nel 2019, sempre nell’ambito di Erasmus+, Elios ha organizzato due scambi giovanili sull’educazione ai diritti umani e sulla lotta alla discriminazione.
Sempre nell’ambito di Erasmus+, i membri di Elios hanno gestito diversi scambi giovanili nei settori della promozione sociale, dell’educazione ai diritti umani, del giornalismo e dell’informazione online, dell’ambiente e del riciclaggio, dell’uso delle nuove tecnologie, ecc.

ELIOS, dal 2015, è ente accreditato per il Servizio Civile Nazionale finanziato dal Governo Italiano e ogni anno può contare su 6 giovani volontari che operano negli uffici e seguono le attività dell’organizzazione.

ELIOS fa parte del MODAVI Onlus – Movimento delle Associazioni di Volontariato Italiano che è stato fondato nel 1996, nato come Associazione di Volontariato, dal 2004, è iscritto all’Albo Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale. Dal 2006, altresì, è iscritto all’Albo Nazionale degli Enti di Servizio Civile come ente di secondo livello; dal 2007 è anche ONG – Organizzazione Non Governativa, riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri; dal 2008 è accreditato presso l’Agenzia Nazionale per i Giovani come organizzazione di invio, ospitalità e coordinamento nell’ambito del Servizio Volontario Europeo.

Dal 2016, ELIOS, è parte di un network europeo chiamato DYPALL (Developing Youth Participation At Local Level) con base in Portogallo; attraverso il network stiamo sviluppando nuove opportunità per i giovani sulla tematica della partecipazione giovanile sia a livello locale che a livello europeo grazie anche alla cooperazione con numerosi Comuni ed Enti Pubblici della Provincia di Catania.

Elios, nel giugno 2019, è stata promotrice della prima Biblioteca Umana (Human Library) organizzata nel territorio catanese, al fine di promuovere l’Educazione ai Diritti Umani.

Dal 2019 Elios ha ottenuto il marchio di qualità (Quality Label n. 2019-1-IT03-ESC52-017768) come organizzazione di accoglienza e coordinamento nell’ambito del programma del Corpo Europeo di Solidarietà (ESC) che consentirà all’organizzazione di ospitare e coordinare progetti che coinvolgono fino a 6 giovani volontari nella città di Acireale e dintorni con la collaborazione attiva dei Comuni limitrofi.

Dal Luglio 2020 Elios fa parte, in qualità di membro “osservatore candidato” dell’Assemblea Generale del Consiglio Nazionale dei Gioventù (CNG), organo consultivo cui è demandata la rappresentanza dei giovani nell’interlocuzione con le Istituzioni per ogni confronto sulle politiche che riguardano il mondo giovanile. Il CNG è membro del Forum Europeo della Gioventù (European Youth Forum in sigla YFJ) che rappresenta gli interessi dei giovani europei presso le istituzioni internazionali.

Sito web: www.eliosacireale.com

ESN Italia

Nata nel 1994, ESN Italia è la branca italiana di Erasmus Student Network, la più grande organizzazione di studenti volontari in Europa. ESN supporta lo sviluppo di programmi di mobilità studentesca in più di 1000 Istituti di Alta Formazione in oltre 40 Paesi secondo il principio Students Helping Students. Ogni anno sono circa 2000 i volontari italiani che si impegnano nell’accoglienza degli studenti Erasmus per l’arricchimento della società attraverso gli studenti internazionali.

ESN Italia è formata da oltre 50 sezioni presenti in più città italiane.

Nel 2008 ESN Italia aderisce al “Forum Nazionale Giovani”, membro italiano dell’European Youth Forum. Nel 2009 ha avuto luogo ESN Village: studenti internazionali provenienti da tutta Europa si sono incontrati in un luogo specifico in Italia per scoprire la cultura e le tradizioni locali. Nel novembre 2014, ESN Italia è entrata in Parlamento con l’ICE, una conferenza il cui tema era basato sulla possibilità di dare il diritto di voto agli studenti in mobilità.

Tutto il lavoro si basa sul volontariato e tutte le sezioni forniscono: servizi di orientamento, informazioni sui corsi, spiegazione delle attività accademiche, nonché assistenza sui problemi burocratici. Una volta che gli studenti sono sistemati nel loro nuovo ambiente, iniziano le attività sociali. Competizioni sportive, attività culturali e ricreative, scambi linguistici, serate teatrali, cinematografiche e musicali sono solo alcune delle attività organizzate.

Sito web: http://www.esn.it/

F.U.C.I. – Federazione Universitaria Cattolica Italiana

La Federazione Universitaria Cattolica Italiana, la più antica associazione italiana di studenti universitari cattolici (è nata infatti a Fiesole nel 1896), nel corso della sua storia centenaria si è sempre distinta per il suo impegno formativo a favore dei giovani universitari e per il livello del suo contributo nei dibattiti culturali che hanno animato epoche diverse.

Non sono poi così lontani i tempi in cui la nostra Federazione era guidata da mons. Giovanni Battista Montini, in seguito divenuto Papa Paolo VI, Igino Righetti, mons. Franco Costa, mons. Emilio Guano, Aldo Moro, Paolo Emilio Taviani, Sergio Baronetto, Padre Pino Puglisi e Vittore Branca per citare soltanto alcune delle personalità che in periodi diversi e a titolo diverso sono state protagoniste della storia della Chiesa e della storia della nostra Repubblica.

Ancora oggi, la F.U.C.I. desidera essere presente nel dibattito culturale dei nostri giorni con la stessa passione, lo stesso rigore e la stessa serietà nello stile della ricerca che hanno caratterizzato la sua gloriosa storia passata. La F.U.C.I. segue, infatti, con grande attenzione, ormai da oltre dieci anni, lo sviluppo della riforma universitaria ed i cambiamenti che muteranno gli scenari della più importante istituzione di formazione culturale e di ricerca scientifica d’Italia. Siamo stati presenti con una nostra delegazione ad un tavolo quadrangolare di consultazione istituito dal ministero dell’Università nella passata legislatura ed abbiamo a più riprese cercato un dialogo ed un confronto costruttivo con i Ministri, con i rappresentanti della Conferenza dei Rettori, con i rappresentanti delle varie associazioni di docenti e di studenti universitari, per manifestare il nostro punto di vista sulla riforma e per mettere a servizio le nostre competenze in questo campo.

Ma la F.U.C.I. non ha mai limitato i propri interessi al mondo universitario, ma ha sempre tenuto fermo lo sguardo verso il mondo, avendo la consapevolezza che la realtà ed i tempi odierni hanno bisogno di essere capiti in tutta la loro complessità e che gli anni dello studio universitario costituiscono un tempo particolarmente propizio per diventare protagonisti di questa fatica di analisi e di approfondimento. La nostra Federazione, in questo modo, cerca di far maturare nelle coscienze dei giovani l’idea che l’essere cittadini d’Europa e del mondo ha già inizio con la comprensione delle differenze e con lo studio attento dei saperi che possono far superare le barriere esistenti tra le diverse culture. Creare una reale apertura di orizzonti culturali e spirituali è ancora oggi una nostra priorità.

In tal senso i Congressi Nazionali, che la F.U.C.I. celebra con scadenza biennale, sono momenti unici per riflettere sui temi di maggiore attualità e di maggiore interesse non soltanto per i giovani fucini, ma anche per il mondo della cultura tutta, per le istituzioni, per la Chiesa. In occasione del Congresso gli ottanta gruppi della Federazione concentrano la loro riflessione su un tema e contribuiscono alla redazione delle Tesi Congressuali, che vengono curate dalla Presidenza Nazionale e che vengono presentate e discusse da alcuni relatori.

Oltre ai Congressi Nazionali, la F.U.C.I. organizza ogni anno altri due importanti appuntamenti: la Scuola di Formazione, incentrata su temi e testimoni del mondo della Chiesa e della politica e le Settimane Teologiche, che si svolgono da oltre cinquant’anni al Monastero di Camaldoli (AR) prevedendo una riflessione approfondita sulle questioni principali della fede attraverso la guida di esperti teologi e biblisti.

Sito web: http://www.fuci.net/

FABI Federazione Autonoma Bancari Italiani

La FABI, Federazione Autonoma Bancari Italiani, con i suoi quasi 100mila iscritti e le sue 97 sedi territoriali è il sindacato bancario più rappresentativo in Italia.

Costituitasi a Milano nel 1948, in un periodo storico caratterizzato da forti contrapposizione ideologiche anche nel mondo sindacale, si è fin dall’inizio contraddistinta come un’organizzazione aconfessionale e apartitica. Una scelta di libertà e autonomia, all’epoca all’avanguardia, che tuttavia non le ha precluso di trarre dalla dottrina sociale della Chiesa cattolica molti motivi d’ispirazione.

La sua è una storia antica e prestigiosa: è stata, infatti, l’unica sigla a stipulare con l’Assicredito il primo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i bancari italiani nel 1949. La FABI, a livello organizzativo, dispone di una struttura composta dal Comitato Direttivo Centrale, con un Presidente, e dalla Segreteria Nazionale. Ben 9 i dipartimenti che le consentono di curare più approfonditamente i diversi aspetti dell’attività sindacale: Contrattualistica, Organizzazione, Welfare, Salute e Sicurezza, Formazione, Comunicazione & Immagine, Svago e Tempo libero, Ufficio Relazioni internazionali e il Team informatico. Non meno importanti sono i suoi 7 coordinamenti, che rappresentano particolari categorie di lavoratori: giovani, donne, pensionati ed esodati, quadri, settori delle Bcc, dell’Abi, e della Riscossione tributi.

Presente nella stragrande maggioranza delle aziende di credito italiane, dall’anno della sua fondazione ad oggi, la FABI ha partecipato a tutte le trattative e alla stipula dei contratti di categoria, delle convenzioni, degli accordi realizzati nel settore del credito sia in campo nazionale con l’Abi (ex Assicredito ed Acri), sia in campo provinciale, regionale e aziendale.

Numerose sono anche le iniziative editoriali e culturali promosse dal sindacato. Oltre a organizzare convegni, incontri, seminari d’approfondimento su temi economici, sociali e del lavoro, la FABI ha anche un proprio think tank: il Centro Studi Sociali “Pietro Desiderato”, un vero e proprio cenacolo di esperti, che supportano l’attività dell’organizzazione con studi e ricerche, dando un contributo al dibattito pubblico sulle argomentazioni di carattere sindacale.

Dall’anno della sua fondazione ad oggi, la Federazione edita inoltre “La Voce dei Bancari”, mensile che raggiunge le 120mila copie di tiratura e viene inviato non solo agli iscritti, per tenerli informati circa l’attività del sindacato, ma anche a parlamentari ed amministratori pubblici, nonché a consiglieri d’amministrazione e dirigenti di tutte le banche.

La FABI è vicina ai lavoratori anche nella vita di tutti i giorni. Dal 1993 sono, infatti, operativi i CAAF della FABI, che forniscono ai tesserati un servizio gratuito di assistenza fiscale a 360 gradi. Nelle 77 strutture diffuse su tutto il territorio nazionale è così possibile ricevere un valido supporto per la compilazione dei modelli 730, ISEE, UNICO e RED.

Giustizia, autonomia, libertà, democrazia, solidarietà, etica del lavoro, centralità dell’uomo. Sono questi i valori fondamentali che ispirano la Federazione autonoma bancari, dalla fondazione sino ai giorni nostri.

La visione programmatica del sindacato s’impernia su di un forte investimento nel capitale umano. Questo significa – soprattutto in un momento di crisi globale come quello che stiamo vivendo – ridare centralità alla persona, in un’azione di rinnovamento della società, che vede nel sindacato un agente fondamentale. Nel fare ciò, la FABI s’ispira anche alle parole del Santo Padre, Papa Benedetto XVI che, nell’enciclica “Caritas in Veritate”, ha posto l’attenzione sull’occupazione, sulla qualità del lavoro e sulla dimensione lavorativa, che deve integrarsi con quella famigliare e relazionale.

Attualmente la Federazione, a livello nazionale, non aderisce ad alcuna confederazione di sindacati, a riprova della sua autonomia, mentre in ambito internazionale fa parte di UniGlobal Union, la maggiore associazione mondiale che riunisce tutti i sindacati del terziario.

Dal 1948 ad oggi sono stati ben 115 i Consigli nazionali e 19 i Congressi nazionali, convocati dall’organizzazione per discutere e decidere sulle scelte di politica sindacale e per rinnovare gli organi direttivi.
Otto in tutto i segretari generali che hanno guidato la FABI.
Attualmente è in carica Lando Maria Sileoni.

Sito web: http://www.fabi.it/

Fare Ambiente

Movimento Ecologista Europeo nasce dall’iniziativa di un gruppo di docenti universitari, esperti in politica e gestione dell’ambiente, insieme a molti giovani, lavoratori, professionisti, imprenditori, cittadini, che hanno deciso di unirsi  per contrastare una metodologia anacronistica per tutelare l’ambiente e l’ecosistema. Ogni fondamentalismo finisce per nuocere alla causa, risultando spesso  irrazionale e fideistico. FARE AMBIENTE è un Movimento associazionistico ambientalista che si ispira al liberalismo solidaristico che si sviluppa nella forma di Stato sussidiario principalmente in materia ambientale. Il modello proposto presuppone l’assunzione di responsabilità prima del cittadino poi delle aggregazioni sociali e dei livelli istituzionali, nell’accezione della sussidiarietà orizzontale e verticale. FAREAMBIENTE vuole dare voce a quei giovani, uomini e donne che vogliono tutelare l’ambiente e la qualità della vita attraverso uno sviluppo equo e razionale contro ogni fondamentalismo ambientale. Il Movimento Ecologista Europeo FARE AMBIENTE  conta già oltre 20.000 iscritti e come coordinatori regionali e provinciali annovera personalità del mondo universitario, esperti in gestione del territorio, professionisti, studenti che con grande responsabilità e senso istituzionale vogliono sostenere iniziative tese a diffondere lo sviluppo sostenibile come valore generale. La sostenibilità è un nuovo valore che deve radicarsi nella coscienza di tutti come nuovo stile di vita per limitare le emissioni in atmosfera (cambiamento climatico), l’uso razionale dell’acqua,  la gestione del territorio, la tutela del mare, la conservazione della biodiversità umana e naturale, una nuova politica sulle fonti energetiche. Senza un’adeguata protezione dell’ambiente la sostenibilità dello sviluppo è compromesso. In Italia, oggi, è necessaria una cultura d’ambiente realista e non fondamentalista. Un Movimento ambientalista che guarda al mondo democratico liberale creando osmosi con  il mondo del lavoro, delle imprese, della scuola e di tutte le organizzazioni che si identificano in questa nostra progettualità.   

Sito web: http://www.fareambiente.it/

Fare Verde

Fare Verde onlus è una associazione ambientalista che opera in 15 regioni italiane con circa 70 gruppi e referenti locali. La sede nazionale è a Roma. Fare Verde è nata nel 1986 e dal 2003 è Associazione di Protezione Ambientale riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente.

Fare Verde è impegnata per diffondere l’ecologia della responsabilità, di tutti e di ciascuno ed agisce per “dare voce a chi non vota”. Boschi, animali, fiumi, mari, Sud del mondo, generazioni future: non hanno partiti, lobby in Parlamento, televisioni, giornali, banche e sindacati, ma sono fondamentali per la nostra sopravvivenza su questo piccolo pianeta.

In Fare Verde giovani e meno giovani possono praticare il volontariato per sottrarre una parte della propria vita alle logiche del mercato e della competizione esasperata e sperimentare, condividendolo con altri, un impegno disinteressato verso la Natura, per ri-scoprire il valore del dono, della solidarietà e della cooperazione.

Fare Verde organizza a gennaio “il mare d’inverno”, una pulizia delle spiagge realizzata quando il mare non serve ai bagnanti, per ricordare che la Natura va protetta a prescindere dagli interessi dell’uomo. Attraverso queste operazioni di pulizia realizzate sule coste di tutta Italia, Fare Verde effettua un monitoraggio delle più diffuse forme di inquinamento. Alla fine degli anni ’90 Fare Verde in uno di questi suoi monitoraggi annuali ha rilevato il problema dell’inquinamento causato dai bastoncini cotonati in plastica (noti con il nome commerciale di “cotton fioc”) che invadevano le nostre spiagge. Nel 2001 è stata approvata dal Parlamento italiano una legge proposta da Fare Verde che limita la vendita ai soli bastoncini biodegradabili.

D’estate Fare Verde organizza campi di volontariato in Italia e all’estero rivolti principalmente ai giovani. Dal 1990 organizza campi di volontariato Antincendio Boschivo. Dal 2000 organizza in Italia campi per promuovere, attraverso attività didattichesu temi ambientali, la socializzazione tra bambini e giovani kosovari appartenenti alle diverse etnie presenti in Kosovo. Dal 2007 organizza in Kosovo campi estivi di volontariato antincendio e tutela ambientale che coinvolgono giovani appartenenti a diverse etnie.
Dal 2000 Fare Verde organizza nell’ultimo fine settimana di ottobre una manifestazione nazionale per sensibilizzare amministratori locali e cittadini sull’importanza di separare dal resto dei rifiuti, gli scarti alimentari e verdi per facilitarne il recupero come compost da impiegare in agricoltura, giardinaggio e vivaismo.

Le campagne di Fare Verde per il compostaggio hanno portato ad un dialogo tra agricoltori e compostatori per l’eliminazione delle barriere che impedivano l’utilizzo del compost in agricoltura per sostituire in tutto o in parte i fertilizzanti chimici.

Dal 2000 Fare Verde svolge in Kosovo attività di cooperazione finalizzate alla crescita formativa dei giovani, soprattutto in ambito ambientale, e al superamento dei pregiudizi etnici. Nel 2003 è stata costituita la ONG “Fare Verde Kosovo”.

Dal 1995 Fare Verde pubblica ininterrottamente il proprio bimestrale “xFare+Verde” senza alcun apporto pubblicitario.

I volontari di Fare Verde sono impegnati in tutta Italia in iniziative locali per la tutela del territorio, la riduzione dei rifiuti e l’uso efficiente dell’energia.

Fare Verde decide ed opera in completa autonomia rispetto a qualsiasi partito politico o centro di potere economico e non accetta sponsorizzazioni per non rischiare di dover pagare contropartite contrarie ai propri principi e per non compromettere la propria esigenza di assoluta libertà e indipendenza. Fare Verde raccoglie fondi solo dai propri iscritti e sostenitori e da Amministrazioni Pubbliche nell’ambito di progetti condivisi che consentano l’attuazione delle linee politiche decise dall’Associazione.

Sito web: http://www.fareverde.it

FGS – Federazione Giovani Socialisti

La Federazione dei Giovani Socialisti – FGS – è l’organizzazione delle giovani e dei giovani socialisti italiani: associazione di volontari, autonoma, libera e laica, che si ispira al socialismo democratico, riformista e internazionalista.

La Federazione si richiama ai valori universali della democrazia politica, della solidarietà, della pace, della non violenza, del dialogo e dell’opposizione ad ogni forma di totalitarismo e intolleranza. Si impegna per l’affermazione di forme più alte d’eguaglianza sociale e tutela dell’ambiente. Tutela le singole individualità nel perseguimento dell’interesse generale, nei campi d’intervento dell’economia, della salute, del lavoro, dell’informazione, per promuovere la diffusione di una cultura multietnica.

La Federazione intende favorire l’ampliamento del potere di rappresentanza dei giovani attraverso la predisposizione di strumenti e progetti finalizzati ad una maggiore conoscenza ed energica difesa dei loro diritti. La FGS si prefigge di contribuire ad una nuova unità di tutte le forze di ispirazione socialista e riformista. La FGS raccoglie l’eredità storica della Federazione Nazionale Giovanile Socialista, fondata nel 1903.

Sito web: http://www.giovanisocialisti.it/

FIAF – Federazione italiana Aerobica e Fitness

La FIAeF, Federazione Italiana Aerobica e Fitness, nasce con lo scopo di promuovere lo sviluppo e la corretta diffusione del Fitness, quale concetto di attività motoria strutturata su solide basi scientifiche che, con divertimento, porta ad uno stato di efficienza e benessere psicofisico generale della persona.
Alla FIAeF è associata l’AIGA, Associazione Italiana Ginnastica Aerobica, l’unica associazione sul territorio nazionale nella quale si identificano i professionisti ed i tecnici del settore. L’AIGA è nata nel 1987 dalla volontà di un gruppo di istruttori AFAA, per contrastare la mancanza di professionalità e la scarsa conoscenza teorica e pratica sull’efficacia ed i benefici del fitness.
La Federazione Italiana Aerobica e Fitness (FIAeF) opera su tutto il territorio nazionale, ed è dal 1987 che il successo accompagna ogni sua iniziativa. La FIAeF agisce congiuntamente con la Scuola Italiana Aerobica e Fitness (SIAF), propria articolazione tecnica, che si occupa esclusivamente di formazione professionale ed aggiornamento degli istruttori.
La FIAeF – SIAF operano impegnandosi nella ricerca, nello studio, e per lo sviluppo di una seria coscienza professionale nel fitness, vantando una competenza tecnica, unica in Italia, qualificata e qualificante.

Sito web: http://www.fiaf.it/

FIGC AIA – Associazione Italiana Arbitri

L’Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l’associazione che, all’interno della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), riunisce obbligatoriamente tutti gli arbitri italiani che, senza alcun vincolo di subordinazione, prestano la loro attività di ufficiali di gara nelle competizioni della FIGC e degli organismi internazionali cui aderisce la Federazione stessa.

L’AIA provvede direttamente al reclutamento, alla formazione, all’inquadramento ed all’impiego degli arbitri ed è organizzata con autonomia operativa e amministrativa che può esercitare anche tramite le proprie articolazioni espletando la gestione delegatale dalla FIGC nel rispetto dello Statuto e delle norme federali.

L’AIA ha la sua sede centrale presso la FIGC e comunque nelle strutture da essa messe a disposizione; si articola territorialmente in Comitati regionali, istituiti di norma in ogni capoluogo di Regione ed in Sezioni, istituite di norma in ogni capoluogo di provincia, avvalendosi per le sue articolazioni periferiche, per quanto logisticamente compatibile, dei mezzi e delle strutture della FIGC.

Il Presidente dell’AIA è eletto a scrutinio segreto dai Presidenti sezionali, dai Delegati sezionali, dai Dirigenti benemeriti FIGC associati AIA e dai Dirigenti benemeriti AIA, riuniti in apposita Assemblea generale, come previsto dal Regolamento elettivo e dura in carica per quattro stagioni sportive corrispondenti al quadriennio olimpico.

Il Comitato nazionale è composto dal Presidente dell’AIA, dal Vice presidente, dal Responsabile del settore tecnico arbitrale, dai tre componenti effettivi della lista collegata e dai tre componenti effettivi eletti singolarmente per ciascuna macroregione dall’Assemblea generale.

Sito web: http://www.figc.it/index.shtml

Forum Regionale dei Giovani della Regione Basilicata

Il Forum dei giovani è un organismo di rappresentanza delle giovani generazioni. Il Forum dei “Giovani Lucanieuropei” è composto da ben 147 associazioni di tutto il territorio regionale, ciascuna delle quali è rappresentata da un delegato. Sono presenti associazioni culturali, sportive, politiche, del volontariato e di categoria; Esso garantisce i diritti di cittadinanza dei giovani, mediante la loro autonoma partecipazione alla vita della comunità. Nasce come strumento che promuove e coordina le politiche rivolte ai giovani, che favorisce il libero sviluppo della loro personalità sul piano culturale, sociale ed economico.
Il Forum è un luogo aperto di discussione e di confronto dei giovani lucani, esso formula proposte agli organi istituzionali della nostra regione su tutto ciò che riguarda il panorama giovanile, dalla scuola al lavoro al tempo libero, interviene ed interloquisce direttamente con la Regione Basilicata e con i Comuni favorendo così il protagonismo dei giovani lucani. Il Forum nasce sulla scia della “Carta per la partecipazione dei giovani alla vita comunale e regionale” approvata dal Consiglio d’Europa il 17 novembre del 1990; gli Stati europei danno corso a questa decisione e si impegnano a creare al loro interno i Consigli nazionali della gioventù; viene proposta anche in Basilicata nel 1998 una legge organica per le politiche giovanili che contemplasse la istituzione dei Forum dei giovani; il 20 dicembre 2003 finalmente l’assemblea costituisce il Forum ed elegge i suoi organi esecutivi. Inoltre i Forum dei giovani sono realtà affermate e riconosciute in tanti paesi europei, sono frequenti infatti gli incontri e le iniziative che i vari Forum sviluppano insieme favorendo quello scambio tra culture differenti che è alla base di una convivenza serena e del dialogo tra i popoli.

Sito web: http://www.forumgiovani.basilicata.it/

Forza Italia Giovani

Forza Italia – Giovani per la Libertà è l’organizzazione giovanile del Movimento Politico Forza Italia, di cui persegue i medesimi scopi, con particolare interesse per le dinamiche e le problematiche riguardanti il mondo dei giovani, quello studentesco e quello dell’associazionismo.
Link a pagina FB: Forza Italia Giovani 

FutureDem

L’associazione FutureDem è un’associazione di cultura politica di ispirazione progressista, composta da riformisti che credono nell’integrazione europea e si riconoscono nei valori di libertà, eguaglianza e giustizia sociale. Vuole dare un contributo costruttivo al nostro impegno pubblico, organizzando eventi di formazione, elaborando proposte e realizzando iniziative volte a migliorare le realtà in cui vive e opera.

Sito web: www.futuredem.it

GA – Giovani delle Acli

I Giovani delle Acli promuovono l’aggregazione dei giovani al di sotto dei trentadue anni con percorsi di educazione e formazione alla politica, all’impegno civile e alla cittadinanza attiva.

Il modello organizzativo è di tipo federale, con un livello nazionale, che si articola su tre organi:

– Segretario Nazionale,
– Segreteria Nazionale e Assemblea Nazionale,
– l’impegno sui territori con i gruppi, che possono coincidere con un circolo Acli o essere un’entità a sé stante.

È all’interno dei gruppi che nascono le iniziative, si sviluppa il pensiero e l’elaborazione.
GA oggi è presente nella maggioranza delle provincie d’Italia ed è un movimento in grado di esprimere una politicità incisiva e un’esperienza educativa fortissima.

Mentre nei territori i gruppi danno vita a momenti di discussione, riflessione, attività (dall’organizzazione di vacanze formative, a convegni, a iniziative e feste), il livello nazionale si caratterizza per due eventi: il Congresso Nazionale e l’Agorà.

Quest’ultimo è un evento aperto dove oltre 300 ragazzi da tutta Italia possono interagire direttamente con alcuni autorevoli relatori su temi importanti per l’esperienza di azione sociale più recente.

Grande successo hanno inoltre i campi estivi, veri e propri momenti di formazione umana e politica organizzati dai territori in collaborazione con la Segreteria Nazionale in diverse zone d’Italia.

Sito web: http://giovanidelleacli.com

GD – Giovani Democratici

GD – Giovani Democratici

Sito web: http://www.giovani-democratici.com/

GFE Gioventù Federalista Europea

La Gioventù Federalista Europea (GFE/JEF Italy) è nata come organizzazione giovanile legata al Movimento Federalista Europeo, fondato a Milano il 27-28 agosto del 1943 da Altiero Spinelli. I principi a cui i federalisti europei si ispirano sono contenuti nel Manifesto di Ventotene, elaborato nel 1941 dallo steso Spinelli, da Ernesto Rossi e Eugenio Colorni. Scopo della Gioventù Federalista Europea è quello di creare il consenso necessario, presso le istituzioni, la società civile e l’opinione pubblica, per la creazione di una Federazione Europea. La Gioventù Federalista è la sezione italiana della JEF Europe (Jeunes Européens Fédéralistes), organizzazione europea con sede a Bruxelles che attraverso un principio di sussidiarietà convoglia le azioni delle diverse sezioni nazionali e locali in tutto il continente.

I giovani federalisti europei si differenziano radicalmente dai modelli normali di organizzazione politica, i partiti e i gruppi di pressione. Diversamente dai gruppi di pressione, che cercano solo vantaggi particolari per gruppi particolari senza modificare necessariamente l’assetto dei poteri costituiti e a differenza dei partiti, che hanno come quadro privilegiato di azione il quadro nazionale, la JEF esercita un’iniziativa politica autonoma rivolta alla fondazione di uno Stato nuovo, la Federazione europea.

Sito web: http://www.gfeaction.eu/

GIFRA – Gioventù Francescana d`Italia

Mettici l’età giovanile, una chiamata dello Spirito Santo e la voglia di vivere un’esperienza cristiana sul modello di Francesco d’Assisi ed hai la giusta identità del giovane francescano. Questa è la Gifra. Una fraternità di giovani che vogliono vivere la loro giovinezza sulle orme del poverello di Assisi, avendo il Vangelo come guida, l’Eucarestia come centro, la Chiesa come madre, i poveri e gli ultimi come fratelli.

Il percorso della Gifra è fondato sulla formazione dei giovani, attraverso itinerari educativi, sull’annuncio della bellezza di ciò che questo “luminoso ideale di vita” (dalle parole utilizzate da Giovanni Paolo II all’udienza per i 50 anni della Gi.Fra.) rappresenta per la società, sulla preghiera, sull’ascolto, sull’incontro.

Sempre armati di buona volontà e del carattere distintivo della giovialità, dopo alcuni anni di cammino e di formazione, i giovani emettono la promessa di impegnarsi ad uniformare la propria giovinezza al modello tracciato dallo Statuto della Gifra, “Il nostro volto”, che raccoglie la forma di vita e le norme organizzative con cui la fraternità, a livello nazionale, regionale e locale, svolge le sue attività e realizza la sua testimonianza nella Chiesa e nella società.

Quella della Gifra è un’esperienza che coinvolge i ragazzi da 14 a 30 anni, con percorsi differenziati per adolescenti, giovani e giovani adulti, in un rapporto speciale con la famiglia dell’Ordine Francescano Secolare, nell’ambito della quale i gifrini maturano la loro vocazione e di cui sono parte integrante, e con i più piccoli che prendono il nome di Araldini. Ad accompagnare i ragazzi nel loro cammino di fede abbiamo i frati francescani delle varie obbedienze

Sito web: https://www.gifraitalia.it

GIOC – Gioventù Operaia Cristiana

Un’associazione di giovani lavoratori e di ambiente popolare

La GiOC è un’associazione di giovani lavoratori e studenti delle realtà popolari che svolge un’attività formativa, educativa e di evangelizzazione con e per i giovani stessi.

Partecipazione e protagonismo

Nella GiOC i giovani compiono un cammino educativo e di graduale scoperta del Vangelo che li porta a diventare protagonisti impegnati in ogni ambiente della loro vita: nel posto di lavoro, nella famiglia, nei proprio quartiere e città. Attraverso la costruzione di relazioni significative e tramite un organizzazione interamente composta da giovani l’associazione punta ad un vera la trasformazione della realtà.

Il Gruppo: crescere insieme

La proposta educativa prende forma attraverso l’esperienza del gruppo come luogo educativo e di crescita.
Questo dà la possibilità al singolo di prendere coscienza di sé e di ciò che si vive, di costruirsi un’identità autonoma ed di aprirsi verso un sistema sociale più ampio.

La Revisione di Vita: Vedere, Valutare, Agire

Nella GiOC i gruppi adottano il metodo della Revisione di vita.
Questa è un metodo originale che in tre fasi (Vedere Valutare Agire) permette di analizzare le situazioni della vita di tutti i giorni, di valutarle alla luce del Valori del Vangelo, per poi capire a quali azioni e cambiamenti siamo chiamati.
La “Revisione di vita” si configura come spiritualità, come modo di leggere e vivere la vita alla luce della Parola di Dio individuando il legame, misterioso ma reale, con Gesù Cristo.

Sito web: http://www.gioc.org/

GIOSEF ITALY – GIOVANI SENZA FRONTIERE

GIOSEF promuove l’inclusione e la partecipazione giovanile in tutte le sue forme e a tutti i livelli.

…vuole essere uno spazio di aggregazione e confronto tra giovani perché possano dare forza alle proprie idee e realizzare autonomamente i propri progetti.

…mira a creare nuovi spazi di partecipazione giovanile alla vita pubblica, perché i giovani stessi siano in grado di fornire risposte alle esigenze delle nuove generazioni.

…è composta da giovani che quotidianamente lavorano e si impegnano per l’affermazione della solidarietà e dell’accettazione delle diversità.

…sostiene convintamene la costruzione di un’Europa solidale e dell’accoglienza, fondata sugli ideali di democrazia, pace, solidarietà, e antifascismo.

COSA FACCIAMO

Giosef realizza attività e progetti in favore della gioventù, creando opportunità e favorendo iniziative che stimolino la partecipazione giovanile sia a livello locale che europeo.
La Dimensione Europea
• Scambi e Seminari Interculturali.
Gli scambi offrono ai giovani la possibilità di venire a contatto con culture e realtà diverse, fornendo loro opportunità di discutere temi specifici. Questo tipo di esperienza può servire a combattere pregiudizi e stereotipi negativi contribuendo alla realizzazione di una “Europa della Conoscenza”, promuovendo così l’accettazione delle diversità e l’eliminazione di ogni forma di discriminazione.
• Servizio Volontario Europeo
Rappresenta una importante opportunità di volontariato transnazionale, che favorisce il coinvolgimento diretto ed attivo dei giovani in iniziative volte a soddisfare le esigenze della società in una vasta gamma di settori . Per i giovani è un’esperienza di apprendimento interculturale che favorisce la partecipazione attiva, l’occupabilità e lo spirito di iniziativa. • Programma Leonardo
Intende attuare una politica europea di formazione, promuovendo uno spazio europeo di cooperazione nel settore dell’istruzione e della formazione professionale. È utile per dare ai giovani un occasione di formazione professionale transnazionale, che favorisca da un lato l’acquisizione di conoscenze e competenze e dall’altro a favorire la cittadinanza europea attiva e l’occupabilità. La Dimensione Locale e Nazionale

Giosef si propone di essere un network di realtà giovanili presenti su tutto il territorio nazionale. In questa ottica le sedi locali agiscono in maniera molto indipendente e diversificata tra loro, utilizzando gli strumenti più compatibili con la propria dimensione locale per il raggiungimento dei fini sociali.
La struttura nazionale si occupa di fornire strumenti e conoscenze utili alla realizzazione dei progetti di favorire la condivisione di esperienze e buone prassi e di realizzare momenti di incontro nazionale finalizzati al coordinamento e alla formazione.
UN PO’ DELLA NOSTRA STORIA

Giovani Senza Frontiere nasce nell’Aprile 1998 con lo scopo di promuovere la mobilità giovanile e la formazione non tradizionale in Europa. Per realizzare tali obiettivi e promuovere la partecipazione delle nuove generazioni al contesto della politica internazionale ed in particolar modo europea, l’associazione promuove scambi interculturali, gemellaggi, seminari e corsi di formazione, convegni, ricerche e pubblicazioni, campi di solidarietà, progetti di cooperazione e sviluppo ed altre attività volte a perseguire lo scopo sociale.
In questi anni l’associazione cresce soprattutto realizzando attività di questo tipo e riesce a radicarsi in diversi territori.
Col passare del tempo, però si scontra con una delle maggiori difficoltà dell’associazionismo giovanile, ossia il ricambio generazionale, e purtroppo a questa fase sopravvivono solamente alcune realtà locali che per diverse contingenze dimostrano una maggiore solidità e che quindi portano avanti il progetto associativo ed in alcuni casi riescono ad ampliare il proprio raggio di azione. Infatti oltre le attività di ambito europeo, si intensificano le iniziative di dimensione locale gestendo attività di servizi in favore della gioventù e promuovendo valide iniziative di aggregazione giovanile.
Inoltre l’associazione è partecipe in diverse regioni alla nascita degli enti di partecipazione giovanile quali forum e consulte.
L’associazione si finanzia in questi anni con le quote di iscrizione con le donazioni, con la realizzazione di progetti e e non mancano anche i casi di cooperazione e di consulenza con enti pubblici come comuni e province in merito alle Politiche Giovanili. Per questo, si avvale del lavoro degli iscritti che acquisiscono conoscenze nella gestione di enti no-profit e diventano operatori sociali. Un ulteriore contributo in temini di impegno viene dato prima dagli obiettori di coscienza e poi dalle volontarie in servizio civile nazionale. Infatti l’associazione autonomamente presenta negli ultimi anni diversi progetti di Servizio Civile Nazionale e avvia la fase di accreditamemto all’albo nazionale degli enti di servizio civile. Giosef si accredita come ente di II classe per il Servizio Civile e realizza numerosi progetti.

Facebook  @GiosefItaly

Giovani del PPE

E’ un’associazione che riunisce i membri italiani dello YEPP (Youth of the European People’s Party), movimento giovanile del Partito Popolare Europeo.Fondata nel 1997, YEPP è diventata la più grande organizzazione di giovani politici in Europa, che sostiene i valori fondamentali del centrodestra europeo e lotta per avere una voce più forte in Europa per i giovani organizzati e non. La missione dello YEPP è di stimolare un’ulteriore integrazione in Europa, per sostenere i principi, le politiche e le idee del centrodestra nel dibattito politico europeo.

Giovani della Croce Rossa Italiana

I Giovani della Croce Rossa Italiana prestano il loro contributo volontario nell’ambito della salute, della pace, del servizio alla comunità, della cooperazione internazionale e dello sviluppo dell’associazione.

L’attività è rivolta in modo particolare ai giovani in quanto la vicinanza generazionale favorisce la diffusione di buone pratiche volte ad un miglioramento complessivo della società. Sono numerose le attività dei Giovani CRI, in particolare si sottolineano le quattro campagne nazionali in atto volte rispettivamente alla prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale, alla prevenzione dell’obesità , alla sensibilizzazione sui temi dei cambiamenti climatici ed alla sensibilizzazione della donazione del sangue, sfide che Croce Rossa Italiana promuove sul territorio attraverso i Gruppi dei Giovani CRI.

Sito web: http://cri.it/giovani

AZIONE CATTOLICA

Laici impegnati con i Pastori
al servizio del territorio in cui vivono,
eredi di una lunga storia,
testimoni del Risorto

Siamo un’associazione di laici impegnati a vivere, ciascuno “a propria misura” ed in forma comunitaria, l’esperienza di fede, l’annuncio del Vangelo e la chiamata alla santità, mediante una formazione personale e di gruppo permanente che guarda alla persona nella sua interezza.

L’Azione cattolica, oggi composta dai Settori Giovani e Adulti e dall’Azione Cattolica Ragazzi (Acr), fin da principio ha scelto di rispondere alla vocazione missionaria, mettendosi a servizio della vigna del Signore nelle singole Chiese locali. Vogliamo costruire percorsi di comunione con le altre aggregazioni laicali, in fedeltà a quanto il Concilio ha chiesto a tutti i laici.

In particolare, il settore Giovani riunisce oltre 65 mila tra giovanissimi (15-18 anni) e giovani (19-30 anni) che aderiscono ai cammini formativi ordinari, svolti nelle comunità parrocchiali e territoriali di tutta Italia, che hanno come meta la vetta alta della santità.

Quella dell’Azione cattolica è una storia che inizia da lontano, dal sogno di due giovani Mario Fani e Giovanni Acquaderni nel 1868. È una storia, infatti, che si intreccia con la vita di migliaia di uomini e donne, che in questo lungo periodo hanno lavorato con passione e fedeltà, servendo la Chiesa e contribuendo a costruire il Paese in cui viviamo. Oggi, dunque, noi raccogliamo un’eredità, un tesoro prezioso consegnatoci da uomini e donne, testimoni del Vangelo, che hanno saputo fino in fondo essere interpreti dei segni dei tempi.

Sito web: http://giovani.azionecattolica.it/

Giovani Insieme

Giovani Insieme è un movimento politico nazionale che nasce dall’esigenza di far conoscere a tutti le nostre idee, le nostre emozioni e la nostra voglia di cambiare qualcosa … partendo dal coinvolgimento delle giovani generazioni.
Siamo un gruppo di persone che rifiuta la politica fatta di bugie, compromessi e falsi sorrisi. Siamo convinti che occuparsi della “cosa pubblica” voglia dire occuparsi del futuro nostro e di chi ci sta vicino. Come non ci può essere spettacolo senza attori, non ci può essere futuro senza noi giovani!

G.I.V – Giovani italia dei valori

Giovani dell’Italia dei Valori (acronimo GIV) è stata un’associazione culturale giovanile autonoma italiana, legata al partito Itallia dei Valori. È stata sciolta nel 2010 con la contemporanea nascita del Dipartimento giovani di IDV. Si riconosceva in una cultura liberaldemocratica e riformista, nelle idee dei Manifesti di Oxford del 1947, 1967, 1997 e dell’Internazionale liberale. È stata un’associazione giovanile italiana di carattere politico, socio fondatore del Forum Nazionale Giovani, accreditata dal dicembre 2005 come “full member” del Lymec, il movimento europeo dei giovani liberali (il movimento giovanile legato all’ALDE, terzo gruppo del Parlamento europeo) e Member dell’IFRLY (International Federation of Liberal Youth) da dicembre 2007. L’organizzazione accoglieva i giovani di età compresa tra i 14 e i 35 anni e l’iscrizione non comportava l’adesione al partito Italia dei valori.

Sito web: https://www.italiadeivalori.it/

 

 

Gioventù Nazionale

Gioventù Nazionale nasce nel 2014, come eredità storica dei movimenti giovanili della Destra italiana e conta oggi decine di migliaia di tesserati in tutta Italia. Gioventù Nazionale, movimento giovanile che strettamente collabora con il partito e la Comunità nazionale di Fratelli d’Italia, si ispira al principio fondamentale della Politica fatta a servizio del Bene Comune. La Politica per GN è un atto d’amore che, nella difesa dell’interesse nazionale, permette di distinguere il giusto dallo sbagliato. Uno dei principali obbiettivi del movimento, sin dalla nascita, è quello di riportare al centro la partecipazione giovanile, come elemento per distruggere il muro che si è creato tra la politica e il popolo. Gioventù Nazionale crede nelle radici cristiane dell’Europa dei Popoli, perché la sua grandezza risiede nell’ Identità e nella Tradizione che la compongono. L’unico modo per difendere questa grandezza è tutelarne le radici e i valori fondamentali e non negoziabili, che hanno fatto dell’Europa un continente ricco di storia e cultura. GN crede nella difesa della Vita dal concepimento alla morte e opera per promuovere una società che ponga al centro la Persona, ripiegando al servizio delle leggi naturali dell’umanità i progressi della scienza e della medicina.

GN crede nell’Eguaglianza come punto di partenza, ovvero la capacità di uno Stato di garantire ai propri figli le stesse opportunità di accesso ai diritti fondamentali della società civile, ma allo stesso tempo, seguendo il principio del merito, di consentire a chi ne ha la capacità, di sviluppare le attitudini e le abilità personali; nella Giustizia Sociale e nella Solidarietà, perché la forza di una Nazione si misura nella sua capacità di superare i conflitti sociali nei momenti di difficoltà. Solo questa visione, che contempla il senso di responsabilità verso gli altri, può essere la leva d’azione per superare l’interesse particolare a vantaggio della Comunità Nazionale; nella Bellezza del patrimonio storico, artistico e culturale d’Italia, come elemento irrinunciabile della nostra stessa identità, da promuovere e valorizzare; crede che il miglior modo per tutelare questa Bellezza sia l’instaurazione di un rapporto di equilibrio tra progresso e rispetto dell’ambiente e per l’opera straordinaria di chi ci ha preceduto; crediamo nella Famiglia, nucleo e cuore pulsante della nostra società, ammortizzatore sociale naturale e luogo dell’incontro e dell’accoglienza per ognuno di noi; crede nella Libertà, come condizione necessaria per la crescita di uno Stato. Libertà di essere, di pensare, di scrivere, di imprendere, ma anche la libertà di rispettare le regole del vivere comune. Libertà quindi come elemento fondante per un Popolo consapevole ed orgoglioso della propria appartenenza. Gioventù Nazionale crede nella pace, non come una bandiera ideologica, ma come un obiettivo da costruire, raggiungere e difendere. Non esiste pace senza libertà, ed è per questo che siamo al fianco di tutti quei Popoli che ancora oggi nel mondo risultano oppressi e si battono per la loro autodeterminazione; GN crede nella capacità della gioventù di rischiare, di buttarsi, di farcela da soli senza dover aspettare un aiuto calato dall’alto o una scorciatoia illegale. Parafrasando Tolkien, siamo quei giovani che ogni giorno, visto “il corso degli eventi che muovono le ruote del mondo”, compiono piccoli grandi gesti per costruire un futuro migliore per l’Italia, per l’Europa, per il mondo, “mentre gli occhi dei grandi sono rivolti altrove”.

Facebook Gioventù Nazionale

Giovani Musulmani d`Italia

Associazione di promozione giovanile no profit, autonoma e indipendente. Fondata nel settembre 2001 da alcuni giovani musulmani, l’associazione Giovani Musulmani d’Italia ha come obiettivo quello di dare risposte ai problemi che i giovani incontrano nella loro vita quotidiana in famiglia, a scuola, per strada e nei luoghi pubblici. Essa cerca di fornire loro gli strumenti adatti a formare un’identità islamica italiana, riuscendo allo stesso tempo a conciliare i principi religiosi, quindi la propria fede con la società e la cultura in cui si vive, rilevando la non contraddizione tra entrambe. Il GMI basa il suo pensiero sulla consapevolezza che i giovani musulmani, figli di questa società, conoscendo intimamente la cultura di origine e la cultura in cui sono cresciuti, devono riconoscere il ruolo che hanno nella loro comunità di fede e nella loro società madre. Un ruolo costruttivo, critico per certi aspetti ma propositivo, e non un atteggiamento estraneo, indifferente od ostile.
Il GMI dà una struttura a tutte le varie esperienze, locali e nazionali, tramite uno statuto che ha scopi precisi, una assemblea sovrana, che elegge gli organi amministratori dell’associazione a livello nazionale. Inoltre, sul territorio, nelle città, sono state fondate delle sezioni locali del GMI, che
hanno un loro responsabile, e che organizzano un programma annuale ricreativo, educativo e formativo culturale e religioso, in base alle circostanze ed alle esigenze specifiche a ciascuna sezione.
L’attività giovanile islamica consiste principalmente in incontri di tipo culturale ricreativo e formativo, convegni nazionali annuali, gruppi di approfondimento su tematiche di attualità, incontri di dialogo interreligioso ed interculturale nonchè campagne di sensibilizzazione su tematiche sociali (razzismo, xenofobia, violenze sui minori, problemi legati all’uso di droghe ecc..). Il nostro motto è “Protagonisti, con l’aiuto di Dio”; riteniamo che noi, i giovani, siamo il futuro, non solo il presente e dobbiamo essere protagonisti della nostra vita, delle nostre scelte, della nostra società e della nostra comunità. Hanno grande rilevanza nelle attività dell’associazione tutti quei momenti e tutte quelle attività volte al dialogo ed alla reciproca conoscenza tra culture e religioni differenti. Sin dalla sua fondazione il GMI collabora ed a preso parte, sia in qualità di promotore che come sostenitore,a diversi eventi ed attività di carattere locale e nazionale. Molto proficue si sono rivelate le collaborazioni con AVIS, ACLI EMERGENCY, ARCI, ISLAMIC RELIEF, COMUNITA’ DI SANT’EGIDIO ecc..
Il nostro intento è quello di operare, tutti insieme, per una società migliore.

Sito web: http://www.giovanimusulmani.it/GMI/

Giovani per un mondo unito

Siamo il Movimento “Giovani per un Mondo Unito (Y4UW)” fondato da Chiara Lubich nel 1985 e che fa parte del Movimento dei Focolari. La nostra età varia tra 17 e 30 e veniamo da diversi percorsi di vita. In realtà, la nostra caratteristica principale è l’universalità. Siamo giovani provenienti da tutto il mondo e apparteniamo a diversi gruppi etnici, nazionalità e culture. Molti di noi professano differenti fedi, mentre alcuni di noi non hanno un credo religioso; ma siamo tutti protagonisti appassionati nel costruire un mondo unito.

Sito web: http://giovaniperunmondounito.blogspot.com/

Ideazione C.I.A.O.

IdeAzione Cultura Identità Associazioni Organizzazioni non profit è un Ente di Promozione Sociale e Culturale che intende farsi interprete delle molteplici istanze e dei nuovi e crescenti bisogni che provengono dalle trasformazioni in atto nella società civile. Non ha fini di lucro, è libero, indipendente e pluralista. IdeAzione C.I.A.O. affilia Associazioni culturali, Circoli, Cooperative sociali, centri ricreativi e sociali, Comunità giovanili, Associazioni sportive Organizzazioni non lucrative, unendole insieme in un unico progetto. La presenza sul territorio nazionale è organizzata in strutture Regionali e Provinciali. IdeAzione C.I.A.O. promuove iniziative culturali che tendono alla riscoperta del tessuto comunitario nazionale. Attraverso l’organizzazione di grandi eventi, mostre, fiere, rappresentazioni teatrali e concerti, l’ente è impegnato con le Istituzioni culturali e la Pubblica Amministrazione per contribuire alla valorizzazione della cultura tradizionale, dell’identità storica e artistica delle nostre città. Dalla letteratura all’enogastronomia, dalla musica all’editoria dalla drammaturgia al cabaret, dal tempo libero al turismo sociale, dalla tutela dell’ambiente al volontariato alla protezione civile. Ideazione C.I.A.O. è presente in tutti quei settori nei quali si promuove la socializzazione come valore, con l’intento di costruire una esperienza condivisa che diventi anche un’educazione alla responsabilità, alla partecipazione, al sapersi donare. In tanti ci adoperiamo per creare delle strutture degli spazi aperti a tutti per promuovere i valori e le idee in cui crediamo, le nostre parole guida sono: Comunità – Partecipazione – Solidarietà – Volontariato – Tutela dei Diritti – Reciprocità – Donarsi – Passione – Impegno Civile – Libertà. I nostri soci condividono con noi interessi e ideali. Credono nell’associazionismo come elemento di coesione sociale e impegno civile.
Nei nostri circoli, nella sede delle associazioni, si recita, si producono commedie impegnate e comiche, si organizzano convegni, si balla, si suona, si produce musica, si organizzano concerti, si presentano libri, fumetti, si fa pittura. Si promuovono le attività ricreative per bambini e attività rivolte agli anziani, si promuove la tutela ambientale, il turismo sociale, il volontariato, si organizza il tempo libero. L’impegno è rivolto a favore dei più deboli, non solo in Italia, ma anche a sostegno delle popolazione colpite dalla guerra come nelle ex Jugoslavia e in Kosovo. SI FA COMUNITA’.
Lo spirito che anima l’Ente è orientato al miglioramento della qualità della vita e al recupero del senso di solidarietà tra i cittadini del nostro paese.
Il terzo settore o terzo sistema è la definizione di quella realtà emergente tra i due pilastri costituiti dallo Stato e dal Mercato, si inserisce nel dibattito politico, economico e istituzionale, rappresentato da un insieme composito e variegato di enti, associazioni, organizzazioni di volontariato, Fondazioni, ONG e organismi che non hanno fine di lucro.
Milioni di persone si uniscono e lavorano insieme per promuovere diritti, aggregare e organizzare bisogni, perseguire il bene comune, lottare contro l’esclusione, contro l’iniqua distribuzione delle ricchezze, per promuovere la tutela dell’ambiente, il patrimonio culturale, il riequilibrio tra Nord e Sud del mondo.
Il Terzo Settore si afferma come partecipazione attiva e responsabile, che costruisce modalità originali di lavoro e di imprese basate su valori della solidarietà della partecipazione della responsabilità civile; IdeAzione C.I.A.O. è uno dei soggetti che opera in questo variegato mondo del Terzo Settore, avanza una forte critica alla modernità, al suo modello di sviluppo, alla società liberista, alla logica delle omologazioni che annulla le diversità. Una critica di natura etica ed esistenziale, in cui i rapporti tra le persone sono basati sulla logica utilitaristica che non lascia spazio ai valori perché non si quantificano e non si monetizzano.
La nostra risposta è semplice: parte dalla costruzione dei rapporti e delle relazioni con “l’altro”, il modo in cui si instaurano, attraverso la fiducia e la condivisione di esperienze promuovendo nel “fare” i valori comunitari della solidarietà e della partecipazione.

Sito web: http://www.ideazione-ciao.it

Junior Enterprises Italy

Junior Enterprises Italy è la Confederazione Italiana delle Junior Enterprise, definite come organizzazioni no profit, composte e gestite esclusivamente da studenti universitari, che erogano servizi e/o prodotti per aziende, istituzioni ed individui, avendo, come obiettivo principale, l’apprendimento dei propri membri tramite l’esperienza pratica, andando a impattare in maniera pregnante la società, sia dal punto di vista accademico che lavorativo.

Supportiamo le Junior Enterprise affinché il nostro marchio continui ad essere sinonimo di eccellenza.

Libera

Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” è nata il 25 marzo 1995 con l’intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Attualmente Libera è un coordinamento di oltre 1500 associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità. La legge sull’uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l’educazione alla legalità democratica, l’impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, i progetti sul lavoro e lo sviluppo, le attività antiusura, sono alcuni dei concreti impegni di Libera. Libera è riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della Solidarietà Sociale. Nel 2008 è stata inserita dall’Eurispes tra le eccellenze italiane. Nel 2012 è stata inserita dalla rivista The Global Journal nella classifica delle cento migliori Ong del mondo: è l’unica organizzazione italiana di “community empowerment” che figuri in questa lista, la prima dedicata all’universo del no-profit.

Sito web: http://www.libera.it

LINK-Coordinamento Universitario

LINK-Coordinamento Universitario mette in rete realtà universitarie locali di ispirazione sindacale e politica, autonome, indipendenti e autofinanziate, con l’obiettivo di promuovere i diritti degli studenti universitari e di affermarne il protagonismo nella costruzione di una società più giusta.
Siamo nati dall’Onda, il grande movimento dell’autunno 2008 a difesa dell’università pubblica, che cambiò profondamente il mondo delle organizzazioni studentesche e costituì una fondamentale occasione d’incontro tra realtà locali provenienti da storie e contesti diversi.
Nell’estate del 2009 iniziò il percorso di confronto e condivisione tra alcune tra le realtà più importanti del movimento, che portò il 10 e 11 ottobre, in una grande assemblea studentesca a Roma, all’avvio del percorso di LINK, primo esperimento di costruzione di uno spazio comune tra tutte le esperienze universitarie basate sui principi di autonomia, radicamento e vertenzialità, superando gli steccati tradizionali tra sindacati studenteschi, coordinamenti di collettivi e soggetti di rappresentanza e investendo sul progetto di costruire, insieme all’Unione degli Studenti, una rete dei soggetti in formazione in grado di riunire studenti medi, universitari, dottorandi e accademici.
Il percorso costituente ha attraversato le mobilitazione dell’autunno e si è strutturato nell’impegno comune, sperimentando un’organizzazione basata sull’orizzontalità, sul rifiuto dei rapporti di potere e delle gerarchie interne, sulla valorizzazione delle autonome esperienze territoriali, fino ad arrivare all’assemblea fondativa formale del 14 e 15 maggio 2010 a Roma.
Dall’articolo 2 del nostro statuto:
In particolare, gli studenti e le studentesse di LINK considerano un’università pubblica, laica e democratica, liberamente accessibile e autonomamente governata dalla comunità accademica come un luogo fondamentale per la costruzione di una coscienza di cambiamento e per il progresso economico, sociale e civile della nostra società, rifiutando le logiche del clientelismo e del profitto.
Le realtà territoriali aderenti costituiscono LINK come luogo di elaborazione e realizzazione di un’azione politica nazionale mirata ad abbattere le barriere all’accesso ai saperi per tutti e per tutte, rivendicare una didattica di qualità e una ricerca libera, conquistare un nuovo welfare universale come base dell’uguaglianza e della cittadinanza, fare della conoscenza il motore di un nuovo modello di sviluppo democratico e sostenibile dal punto di vista sociale e ambientale.
Gli studenti e le studentesse di LINK si impegnano quindi per affermare il diritto allo studio per tutti e per tutte come nodo fondamentale nella costruzione di una società dell’uguaglianza, e in particolare promuovono il diritto all’abitare, alla mobilità, alle mense pubbliche, alla prevenzione e alla salute, a un reddito in grado di garantire l’autonomia dalla famiglia, a una formazione di qualità, al valore legale e reale dei titoli di studio, all’accesso ai contenuti culturali nel senso più ampio, a un sapere libero da vincoli proprietari e pubblicamente accessibile, alla formazione continua, alla ricerca e all’arte libere, come dice la Costituzione, da ogni vincolo ideologico, confessionale o economico, alle pari opportunità, alla qualità e alla dignità della vita quotidiana, a spazi e tempi di aggregazione ed espressione liberi dalle logiche del consumo mercificato, alla partecipazione democratica al governo delle università e delle città.
Per promuovere queste rivendicazioni, gli studenti e le studentesse di LINK utilizzano tutti gli strumenti democratici del protagonismo sociale, come, ad esempio, le mobilitazioni studentesche e generali, gli organismi di rappresentanza, le vertenze locali e nazionali con le autorità accademiche e pubbliche, la costruzione di luoghi e momenti di aggregazione e mutualismo, l’informazione e la produzione culturale.
LINK è parte dei movimenti e delle lotte sociali contro il razzismo, il fascismo, il sessismo, l’omofobia, contro lo sfruttamento dell’essere umano e dell’ambiente dettato dal profitto e contro le oppressioni, le guerre e le violenze da esso generate.

Sito web: http://linkcoordinamentouniversitario.it/

Moby Dick

Moby Dick è un ente di Terzo settore fondata nel 2005, con sede legale a Salerno. La sua mission è lo scambio di esperienze e idee attraverso attività culturali e formative in Italia e all’estero. Gli ambiti di intervento sono: azioni legate ai giovani e la mobilità europea, la didattica innovativa e l’educazione non formale e la partecipazione dei giovani alla vita democratica. Da anni coopera con molte organizzazioni estere in particolare in Europa, ciò ha permesso di sviluppare competenze nel campo dell’educazione non formale, creazione di reti transnazionali e aggiornarsi sulle innovazioni delle politiche pubbliche dedicate ai giovani. Moby Dick si è affermata come buona prassi nel sud Italia proprio per la capacità di essere realmente al fianco dei giovani e supportare gli enti, pubblici e privati, che operano nel settore. Mobilità europea giovanile: Promuoviamo ed operiamo nel campo della mobilità dei giovani all’estero con esperienze finanziate da Programmi europei, ad esempio Erasmus+ e European Solidarity Corps, migliorando le competenze per il loro futuro. Educazione non formale: Progettiamo e svolgiamo attività formative per l’apprendimento volto a favorire lo sviluppo personale, sociale e professionale dei partecipanti, in particolare corsi in europrogettazione e lingue straniere e per start up. Partecipazione e cittadinanza: Organizziamo eventi per la partecipazione alla vita politica e decisionale dei giovani, col supporto di metodologie innovative, per favorire il processo di costruzione democratico e promuovere la cittadinanza europea.


Sito web: https://www.mobydickets.it/

MO.D.A.V.I. ONLUS

II MO.D.A.V.I. ONLUS (Movimento delle Associazioni di Volontariato Italiano) è un’associazione di promozione sociale, di volontariato e di protezione civile, fondata a Roma nel 1996 e oggi diffusa su tutto il territorio nazionale, attraverso associazioni affiliate, gruppi di base, federazioni provinciali e regionali. L’associazione aderisce al Forum del Terzo Settore ed è componente effettivo del Consiglio Nazionale del Terzo Settore, previsto dal Codice del Terzo Settore e presieduto dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali. Il MO.D.A.V.I. ONLUS ha come principale finalità il miglioramento della società e della condizione di vita dell’Uomo all’interno della Comunità in cui vive, soprattutto attraverso la rimozione del disagio sociale in tutte le sue forme e manifestazioni. L’organizzazione ha un network di collaborazioni con Enti Locali, Ministeri, Università, Istituti scolastici, Fondazioni bancarie, altre organizzazioni del Terzo Settore in Italia e all’estero. Il MO.D.A.V.I. ONLUS affronta diverse tematiche nei propri progetti e attività: la lotta alle dipendenze patologiche, in particolar modo all’uso di droghe, all’abuso di alcool e al gioco d’azzardo; la promozione dell’istituto della famiglia, quale pilastro fondante della società; il supporto alle donne vittime di violenza; la promozione di stili di vita sani e la lotta a tutte le forme di violenza e di sopruso, dalla violenza di genere al bullismo e cyberbullismo; lotta alla dispersione scolastica; promozione della cittadinanza attiva e del volontariato. Non solo: il MO.D.A.V.I. è sede di Servizio Civile e ne promuove il valore fondamentale quale strumento imprescindibile per la crescita delle nuove generazioni, con particolare riguardo alla trasmissione del valore della difesa (non armata) della Patria. Nel concreto, l’associazione pianifica e coordina molteplici progetti locali e nazionali destinati fondamentalmente ai bambini e ai giovani (dagli anni della scuola primaria ai 35 anni): sportelli d’ascolto nelle scuole; azioni di prevenzione, sensibilizzazione e informazione; workshop; corsi di formazione; campagne di sensibilizzazione e di supporto a cause specifiche; esperienze di volontariato. All’estero, il MODAVI ONLUS realizza attività a sostegno di bambini e giovani in condizione di disagio, con attenzione alla situazione delle giovani donne e dei giovani con disabilità in Argentina, Colombia, Kenya, Senegal, Israele, Palestina. Negli ultimi anni, in particolare, l’associazione ha sposato la causa del Popolo venezuelano, promuovendo raccolte di medicinali e beni di prima necessità per aiutare in loco i più bisognosi e la causa della tutela delle Comunità cristiane nel mondo. “La Speranza” diceva Sant’Agostino, “ha due bellissimi figli: lo Sdegno e il Coraggio. Lo Sdegno per la realtà delle cose; il Coraggio per cambiarle.”

Sito web: http://www.modavi.it/

Movimento Giovani per le Riforme

L’Associazione “Movimento Giovani per le Riforme” è il soggetto politico dei giovani e delle giovani che condividono valori fondamentali comuni: i valori della libertà e dell’eguaglianza, della giustizia e della solidarietà sociale, del rispetto, della tolleranza e della pace. L’Associazione si richiama alla tradizione ideale e politica del socialismo italiano, europeo ed internazionale, tenendo conto delle evoluzioni contemporanee dei principi riformisti nelle esperienze internazionali ricollegabili ai principi del liberal socialismo per la realizzazione di politiche socialiste e riformiste. L’Associazione “Movimento Giovani per le Riforme” rappresenta la continuazione storica dell’esperienza centenaria della Federazione dei Giovani Socialisti Italiani, fondata nel 1903, e di essa si propone di perpetrare gli ideali nel III millennio. Gli ideali del socialismo sono inseparabili dalla democrazia e dalle libertà politiche, civili e religiose. I valori dell’Associazione si identificano nel socialismo laico, riformista, democratico e progressista riconoscendolo strumento per una giustizia sociale fondata sull’equità e solidarietà. L’Associazione sviluppa la propria azione adeguandola all’evoluzione dei tempi e dei rapporti sociali al fine di realizzare la piena ed effettiva partecipazione dei giovani alla direzione della società, dello Stato nazionale e delle istituzioni europee. La struttura dell’Associazione realizza un modello di democrazia “orizzontale”, attribuendo ai Coordinamenti Regionali non solo il compito di monitoraggio dei Coordinamenti Provinciali e delle Grandi Città, ma altresì un irrinunciabile ruolo nelle scelte e nelle strategie politiche significative per la Regione di competenza e per lo Stato. Gli associati al “Movimento Giovani per le Riforme” condividono principi e obiettivi comuni: lavorano per dare rappresentanza agli interessi dei più deboli nelle scuole e nelle Università, per promuovere il ricambio generazionale, per la tutela e la dignità del lavoro in tutte le sue forme, contro la povertà in ogni sua forma e manifestazione, per uno sviluppo sostenibile del pianeta, per una società multietnica e pluralista, per la garanzia reale della pari opportunità senza distinzione di sesso o di etnia. L’Associazione si ripropone inoltre di favorire il ricambio generazionale nella classe dirigente del Paese in termini di contenuti e di partecipazione

Sito web:www.nuovopsi.net

Movimento NonViolento

Movimento Nonviolento – è l’associazione di nonviolenti fondata da Aldo Capitini nel 1962, a seguito della prima Marcia per la Pace Perugia-Assisi da lui promossa nel 1961. Alla morte di Capitini (1968) la sua opera è stata proseguita dal più stretto collaboratore e amico Pietro Pinna, primo obiettore di coscienza al servizio militare italiano per motivi etici, e le campagne da noi proposte hanno portato alla legge sul Servizio Civile (1972 e ss.). Nel corso di oltre cinquant’anni di attività abbiamo promosso campagne antimilitariste e per il disarmo, di educazione alla pace e alla nonviolenza, di obiezione fiscale alle spese militari etc. Partecipiamo a numerose Reti nazionali e internazionali come la War Resisters’ International, EBCO-BEOC, CNESC e Rete
italiana Pace e Disarmo.

Sito web: www.azionenonviolenta.it

Movimento Renovatio

RENOVATIO è un laboratorio di pensiero e di formazione radicato nel territorio attraverso le singole associazioni. Nato a Roma nel 2007 oggi è presente in sette Regioni.

Scopo fondamentale è creare un “pensiero” che riesca ad andare oltre i rigidi schematismi precostituiti ed imposti dalla nostra società odierna, offrendo in tal modo la possibilità di un costante confronto e continua crescita dei propri membri e della società tutta, così da poter realizzare un concreto rinnovamento sociale.

RENOVATIO promuove l’aggregazione dei cittadini creando un laboratorio di pensiero e di formazione etico e socio-politico, in special modo nei giovani che rappresentano la società di domani, così da sviluppare una coscienza neutrale e ponderata, che possa portare al raggiungimento di un bene comune tramite il dialogo, il confronto e la maturazione interiorizzata delle varie visioni con le quali si entra in relazione.

Iniziative culturali, sociali e politiche volte alla diffusione ed ulteriore affermazione dei principi e dei valori della democrazia, della valorizzazione del merito e della competenza, dell’uguaglianza, e della solidarietà. Difesa della tradizione italiana, della dignità nazionale, dei principi sociali, tecnocratici, etici e riformatori, delle radici Cristiane e Cattoliche e del valore dello Stato.

Creare e sensibilizzare i giovani alla solidarietà e formare secondo un ideale identitario e del lavoro di squadra come obiettivo fondamentale del movimento Renovatio, nella piena convinzione che questa metodologia è fondamentale sia per l’attività sociale-aggregativa oggi, che un domani per la massimizzazione delle capacità nell’ambito lavorativo.

MAIL: info@associazionerenovatio.it

MSC – MOVIMENTO STUDENTI CATTOLICI – FIDAE

Il MOVIMENTO STUDENTI CATTOLICI – FIDAE nasce nel 1979, grazie all’opera di Fratel Giuseppe Lazzaro, che più di tutti ha creduto fin dall’inizio nelle grandi capacità e nelle speranze degli studenti cattolici. E’ proprio da questo punto che è necessario partire per descrivere al meglio chi siano e cosa rappresentino questi studenti, che iscritti al Movimento sono qualche migliaia.
L’essere cattolici significa valorizzare al meglio la propria esperienza comunitaria, basata su un fondamento così solido, quali sono i valori cattolici stessi. Secondo l’applicazione del proprio statuto, il Movimento Studenti Cattolici elegge ogni due anni la propria Giunta Esecutiva, costituita da un Coordinatore Nazionale, da un Segretario Nazionale e dai Coordinatori d’Area Nord, Centro e Sud, radicalizzandosi sempre più sul territorio grazie ai Responsabili Regionali e più dettagliatamente ai Responsabili dei Comitati; infine abbraccia anche la realtà universitaria, non solo quella della scuola superiore quindi, con il Responsabile degli Universitari. Per intensificare e collegare sempre più tra loro le varie realtà, scolastiche e non solo, presenti su scala nazionale, il Movimento Studenti Cattolici organizza annualmente un’assemblea nazionale, durante la quale vengono approfondite diverse tematiche d’interesse diretto per i giovani, con ospiti e relatori; ed in più organizza durante l’anno scolastico dei momenti di discussione nelle varie aree di coordinamento, le riunioni regionali, sempre coinvolgendo gli studenti, portandoli ad analizzare argomenti che focalizzino la loro attenzione e il loro punto di vista, intensificando così il legame con le singole realtà scolastiche sul territorio.
Territorialmente è così organizzato: Area Nord (Valle D’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna), Area Centro (Toscana, Lazio, Umbria, Marche, Abruzzo, Sardegna) e Area Sud (Campania, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia).
Il Movimento Studenti Cattolici si occupa di formazione socio-politica, attraverso l’educazione alla convivenza, come missione educativa cattolica; la sua azione è basata sulla rappresentanza studentesca articolata in due fasi: sotto l’aspetto diretto del confronto e dell’attività scolastica, e dal punto di vista istituzionale. Secondo il primo punto il Movimento Studenti Cattolici opera sul territorio nazionale, attraverso le attività portate avanti dagli studenti, raggruppandosi nei vari Comitati, nei singoli istituti, realizzando progetti e iniziative che siano a scopo formativo per gli studenti stessi. Per il secondo aspetto il Movimento collabora con diverse piattaforme istituzionali quali ad esempio le Consulte Provinciali degli Studenti e il Forum delle Associazioni Studentesche Maggiormente Rappresentative, di cui è stato co-fondatore nel 2001.
Per entrambi gli aspetti il Movimento Studenti Cattolici mira a far risaltare la formazione e la responsabilizzazione degli studenti, che condividono i valori del Cattolicesimo, rendendoli soggetti attivi sempre più consapevoli della realtà sociale dei nostri giorni, con tutte le problematiche che essa può comportare, diventando così protagonisti del proprio domani.

Sito web: http://www.studenticattolici.it/

OPES – Organizzazione per l’educazione allo Sport

L’OPES – ORGANIZZAZIONE PER L’EDUCAZIONE ALLO SPORT è un Ente che promuove ed organizza, senza scopo di lucro, in collaborazione con le Associazioni Sportive Affiliate, numerose iniziative atletiche e ricreative, a carattere locale, provinciale e nazionale. Noi di OPES crediamo nello sport come mezzo per la trasmissione di valori. Per noi lo sport è una palestra di vita che insegna a socializzare e crescere, insegna ad impegnarsi e confrontarsi con i propri limiti nella convinzione che l’importante non è tanto partecipare, quanto dare sempre il massimo di se stessi. Non sempre un ottimo atleta è un grande uomo, ma un buon uomo è sempre un ottimo atleta. L’OPES propone lo sport come risposta al disagio dei giovani che troppo spesso, non trovando modelli giusti o punti di riferimento per crescere in una società sempre più frenetica, si trovano catapultati su strade senza sbocchi. L’ente infatti non si prefigge solo come scopo quello di aiutare le fasce più giovani degli sportivi, ma anche quello di combattere droga e doping . OPES crede nello sport come forma di divertimento, di ricreazione e di aggregazione di persone senza vincoli e differenze politiche, sociali o di razza. OPES si interessa di molteplici discipline sportive: ciclismo, calcio, rugby, volley, danza sportiva, arti marziali, nuoto… coinvolgendo un elevato numero di atleti sia a livello agonistico assoluto che al livello promozionale. Le iniziative e gli eventi sportivi organizzati da OPES costituiscono importanti ed elevati momenti di aggregazione sociale e di sviluppo dei rapporti comunitari, garantendo interessanti spazi di visibilità per coloro che a diverso titolo vi partecipano (squadre, atleti, dirigenti, aziende sponsor, enti pubblici e privati). OPES persegue l’ obbiettivo istituzionale di aumentare la quantità e di migliorare la qualità dei servizi sportivi promozionali e agonistici per tutte le componenti sociali. L’OPES si prefigge di promuovere l’attività sportiva amatoriale in molteplici discipline sportive sensibilizzando con appositi programmi e tecnici già i ragazzi delle scuole primarie fino ad arrivare alla categoria over 35. L’OPES opera anche nel campo della formazione, con l’obiettivo di creare, anche in collaborazione con le Federazioni professioniste del settore Sportivo, e ove possibile con contributi da parte delle istituzioni locali e nazionali, corsi di formazione per arbitri, atleti e dirigenti far crescere e migliorare le attività di ogni associazione a noi affiliata.

Sito web: http://www.opesitalia.it/

R.U.N. Rete Universitaria Nazionale

La Rete Universitaria Nazionale è l’organizzazione studentesca universitaria di riferimento della sinistra democratica. Il nostro impegno negli atenei italiani è al servizio di tutti.

Sito web: www.reteuniversitarianazionale.it

LINK-Coordinamento Universitario

LINK-Coordinamento Universitario mette in rete realtà universitarie locali di ispirazione sindacale e politica, autonome, indipendenti e autofinanziate, con l’obiettivo di promuovere i diritti degli studenti universitari e di affermarne il protagonismo nella costruzione di una società più giusta.
Siamo nati dall’Onda, il grande movimento dell’autunno 2008 a difesa dell’università pubblica, che cambiò profondamente il mondo delle organizzazioni studentesche e costituì una fondamentale occasione d’incontro tra realtà locali provenienti da storie e contesti diversi.
Nell’estate del 2009 iniziò il percorso di confronto e condivisione tra alcune tra le realtà più importanti del movimento, che portò il 10 e 11 ottobre, in una grande assemblea studentesca a Roma, all’avvio del percorso di LINK, primo esperimento di costruzione di uno spazio comune tra tutte le esperienze universitarie basate sui principi di autonomia, radicamento e vertenzialità, superando gli steccati tradizionali tra sindacati studenteschi, coordinamenti di collettivi e soggetti di rappresentanza e investendo sul progetto di costruire, insieme all’Unione degli Studenti, una rete dei soggetti in formazione in grado di riunire studenti medi, universitari, dottorandi e accademici.
Il percorso costituente ha attraversato le mobilitazione dell’autunno e si è strutturato nell’impegno comune, sperimentando un’organizzazione basata sull’orizzontalità, sul rifiuto dei rapporti di potere e delle gerarchie interne, sulla valorizzazione delle autonome esperienze territoriali, fino ad arrivare all’assemblea fondativa formale del 14 e 15 maggio 2010 a Roma.
Dall’articolo 2 del nostro statuto:
In particolare, gli studenti e le studentesse di LINK considerano un’università pubblica, laica e democratica, liberamente accessibile e autonomamente governata dalla comunità accademica come un luogo fondamentale per la costruzione di una coscienza di cambiamento e per il progresso economico, sociale e civile della nostra società, rifiutando le logiche del clientelismo e del profitto.
Le realtà territoriali aderenti costituiscono LINK come luogo di elaborazione e realizzazione di un’azione politica nazionale mirata ad abbattere le barriere all’accesso ai saperi per tutti e per tutte, rivendicare una didattica di qualità e una ricerca libera, conquistare un nuovo welfare universale come base dell’uguaglianza e della cittadinanza, fare della conoscenza il motore di un nuovo modello di sviluppo democratico e sostenibile dal punto di vista sociale e ambientale.
Gli studenti e le studentesse di LINK si impegnano quindi per affermare il diritto allo studio per tutti e per tutte come nodo fondamentale nella costruzione di una società dell’uguaglianza, e in particolare promuovono il diritto all’abitare, alla mobilità, alle mense pubbliche, alla prevenzione e alla salute, a un reddito in grado di garantire l’autonomia dalla famiglia, a una formazione di qualità, al valore legale e reale dei titoli di studio, all’accesso ai contenuti culturali nel senso più ampio, a un sapere libero da vincoli proprietari e pubblicamente accessibile, alla formazione continua, alla ricerca e all’arte libere, come dice la Costituzione, da ogni vincolo ideologico, confessionale o economico, alle pari opportunità, alla qualità e alla dignità della vita quotidiana, a spazi e tempi di aggregazione ed espressione liberi dalle logiche del consumo mercificato, alla partecipazione democratica al governo delle università e delle città.
Per promuovere queste rivendicazioni, gli studenti e le studentesse di LINK utilizzano tutti gli strumenti democratici del protagonismo sociale, come, ad esempio, le mobilitazioni studentesche e generali, gli organismi di rappresentanza, le vertenze locali e nazionali con le autorità accademiche e pubbliche, la costruzione di luoghi e momenti di aggregazione e mutualismo, l’informazione e la produzione culturale.
LINK è parte dei movimenti e delle lotte sociali contro il razzismo, il fascismo, il sessismo, l’omofobia, contro lo sfruttamento dell’essere umano e dell’ambiente dettato dal profitto e contro le oppressioni, le guerre e le violenze da esso generate.

Sito web: http://linkcoordinamentouniversitario.it/

MO.D.A.V.I. ONLUS

II MO.D.A.V.I. ONLUS (Movimento delle Associazioni di Volontariato Italiano) è un’associazione di promozione sociale, di volontariato e di protezione civile, fondata a Roma nel 1996 e oggi diffusa su tutto il territorio nazionale, attraverso associazioni affiliate, gruppi di base, federazioni provinciali e regionali. L’associazione aderisce al Forum del Terzo Settore ed è componente effettivo del Consiglio Nazionale del Terzo Settore, previsto dal Codice del Terzo Settore e presieduto dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali. Il MO.D.A.V.I. ONLUS ha come principale finalità il miglioramento della società e della condizione di vita dell’Uomo all’interno della Comunità in cui vive, soprattutto attraverso la rimozione del disagio sociale in tutte le sue forme e manifestazioni. L’organizzazione ha un network di collaborazioni con Enti Locali, Ministeri, Università, Istituti scolastici, Fondazioni bancarie, altre organizzazioni del Terzo Settore in Italia e all’estero. Il MO.D.A.V.I. ONLUS affronta diverse tematiche nei propri progetti e attività: la lotta alle dipendenze patologiche, in particolar modo all’uso di droghe, all’abuso di alcool e al gioco d’azzardo; la promozione dell’istituto della famiglia, quale pilastro fondante della società; il supporto alle donne vittime di violenza; la promozione di stili di vita sani e la lotta a tutte le forme di violenza e di sopruso, dalla violenza di genere al bullismo e cyberbullismo; lotta alla dispersione scolastica; promozione della cittadinanza attiva e del volontariato. Non solo: il MO.D.A.V.I. è sede di Servizio Civile e ne promuove il valore fondamentale quale strumento imprescindibile per la crescita delle nuove generazioni, con particolare riguardo alla trasmissione del valore della difesa (non armata) della Patria. Nel concreto, l’associazione pianifica e coordina molteplici progetti locali e nazionali destinati fondamentalmente ai bambini e ai giovani (dagli anni della scuola primaria ai 35 anni): sportelli d’ascolto nelle scuole; azioni di prevenzione, sensibilizzazione e informazione; workshop; corsi di formazione; campagne di sensibilizzazione e di supporto a cause specifiche; esperienze di volontariato. All’estero, il MODAVI ONLUS realizza attività a sostegno di bambini e giovani in condizione di disagio, con attenzione alla situazione delle giovani donne e dei giovani con disabilità in Argentina, Colombia, Kenya, Senegal, Israele, Palestina. Negli ultimi anni, in particolare, l’associazione ha sposato la causa del Popolo venezuelano, promuovendo raccolte di medicinali e beni di prima necessità per aiutare in loco i più bisognosi e la causa della tutela delle Comunità cristiane nel mondo. “La Speranza” diceva Sant’Agostino, “ha due bellissimi figli: lo Sdegno e il Coraggio. Lo Sdegno per la realtà delle cose; il Coraggio per cambiarle.”

Sito web: http://www.modavi.it/

Movimento Giovani per le Riforme

L’Associazione “Movimento Giovani per le Riforme” è il soggetto politico dei giovani e delle giovani che condividono valori fondamentali comuni: i valori della libertà e dell’eguaglianza, della giustizia e della solidarietà sociale, del rispetto, della tolleranza e della pace. L’Associazione si richiama alla tradizione ideale e politica del socialismo italiano, europeo ed internazionale, tenendo conto delle evoluzioni contemporanee dei principi riformisti nelle esperienze internazionali ricollegabili ai principi del liberal socialismo per la realizzazione di politiche socialiste e riformiste. L’Associazione “Movimento Giovani per le Riforme” rappresenta la continuazione storica dell’esperienza centenaria della Federazione dei Giovani Socialisti Italiani, fondata nel 1903, e di essa si propone di perpetrare gli ideali nel III millennio. Gli ideali del socialismo sono inseparabili dalla democrazia e dalle libertà politiche, civili e religiose. I valori dell’Associazione si identificano nel socialismo laico, riformista, democratico e progressista riconoscendolo strumento per una giustizia sociale fondata sull’equità e solidarietà. L’Associazione sviluppa la propria azione adeguandola all’evoluzione dei tempi e dei rapporti sociali al fine di realizzare la piena ed effettiva partecipazione dei giovani alla direzione della società, dello Stato nazionale e delle istituzioni europee. La struttura dell’Associazione realizza un modello di democrazia “orizzontale”, attribuendo ai Coordinamenti Regionali non solo il compito di monitoraggio dei Coordinamenti Provinciali e delle Grandi Città, ma altresì un irrinunciabile ruolo nelle scelte e nelle strategie politiche significative per la Regione di competenza e per lo Stato. Gli associati al “Movimento Giovani per le Riforme” condividono principi e obiettivi comuni: lavorano per dare rappresentanza agli interessi dei più deboli nelle scuole e nelle Università, per promuovere il ricambio generazionale, per la tutela e la dignità del lavoro in tutte le sue forme, contro la povertà in ogni sua forma e manifestazione, per uno sviluppo sostenibile del pianeta, per una società multietnica e pluralista, per la garanzia reale della pari opportunità senza distinzione di sesso o di etnia. L’Associazione si ripropone inoltre di favorire il ricambio generazionale nella classe dirigente del Paese in termini di contenuti e di partecipazione

Sito web:www.nuovopsi.net

Movimento Renovatio

RENOVATIO è un laboratorio di pensiero e di formazione radicato nel territorio attraverso le singole associazioni. Nato a Roma nel 2007 oggi è presente in sette Regioni.

Scopo fondamentale è creare un “pensiero” che riesca ad andare oltre i rigidi schematismi precostituiti ed imposti dalla nostra società odierna, offrendo in tal modo la possibilità di un costante confronto e continua crescita dei propri membri e della società tutta, così da poter realizzare un concreto rinnovamento sociale.

RENOVATIO promuove l’aggregazione dei cittadini creando un laboratorio di pensiero e di formazione etico e socio-politico, in special modo nei giovani che rappresentano la società di domani, così da sviluppare una coscienza neutrale e ponderata, che possa portare al raggiungimento di un bene comune tramite il dialogo, il confronto e la maturazione interiorizzata delle varie visioni con le quali si entra in relazione.

Iniziative culturali, sociali e politiche volte alla diffusione ed ulteriore affermazione dei principi e dei valori della democrazia, della valorizzazione del merito e della competenza, dell’uguaglianza, e della solidarietà. Difesa della tradizione italiana, della dignità nazionale, dei principi sociali, tecnocratici, etici e riformatori, delle radici Cristiane e Cattoliche e del valore dello Stato.

Creare e sensibilizzare i giovani alla solidarietà e formare secondo un ideale identitario e del lavoro di squadra come obiettivo fondamentale del movimento Renovatio, nella piena convinzione che questa metodologia è fondamentale sia per l’attività sociale-aggregativa oggi, che un domani per la massimizzazione delle capacità nell’ambito lavorativo.

MAIL: info@associazionerenovatio.it

MSC – MOVIMENTO STUDENTI CATTOLICI – FIDAE

Il MOVIMENTO STUDENTI CATTOLICI – FIDAE nasce nel 1979, grazie all’opera di Fratel Giuseppe Lazzaro, che più di tutti ha creduto fin dall’inizio nelle grandi capacità e nelle speranze degli studenti cattolici. E’ proprio da questo punto che è necessario partire per descrivere al meglio chi siano e cosa rappresentino questi studenti, che iscritti al Movimento sono qualche migliaia.
L’essere cattolici significa valorizzare al meglio la propria esperienza comunitaria, basata su un fondamento così solido, quali sono i valori cattolici stessi. Secondo l’applicazione del proprio statuto, il Movimento Studenti Cattolici elegge ogni due anni la propria Giunta Esecutiva, costituita da un Coordinatore Nazionale, da un Segretario Nazionale e dai Coordinatori d’Area Nord, Centro e Sud, radicalizzandosi sempre più sul territorio grazie ai Responsabili Regionali e più dettagliatamente ai Responsabili dei Comitati; infine abbraccia anche la realtà universitaria, non solo quella della scuola superiore quindi, con il Responsabile degli Universitari. Per intensificare e collegare sempre più tra loro le varie realtà, scolastiche e non solo, presenti su scala nazionale, il Movimento Studenti Cattolici organizza annualmente un’assemblea nazionale, durante la quale vengono approfondite diverse tematiche d’interesse diretto per i giovani, con ospiti e relatori; ed in più organizza durante l’anno scolastico dei momenti di discussione nelle varie aree di coordinamento, le riunioni regionali, sempre coinvolgendo gli studenti, portandoli ad analizzare argomenti che focalizzino la loro attenzione e il loro punto di vista, intensificando così il legame con le singole realtà scolastiche sul territorio.
Territorialmente è così organizzato: Area Nord (Valle D’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna), Area Centro (Toscana, Lazio, Umbria, Marche, Abruzzo, Sardegna) e Area Sud (Campania, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia).
Il Movimento Studenti Cattolici si occupa di formazione socio-politica, attraverso l’educazione alla convivenza, come missione educativa cattolica; la sua azione è basata sulla rappresentanza studentesca articolata in due fasi: sotto l’aspetto diretto del confronto e dell’attività scolastica, e dal punto di vista istituzionale. Secondo il primo punto il Movimento Studenti Cattolici opera sul territorio nazionale, attraverso le attività portate avanti dagli studenti, raggruppandosi nei vari Comitati, nei singoli istituti, realizzando progetti e iniziative che siano a scopo formativo per gli studenti stessi. Per il secondo aspetto il Movimento collabora con diverse piattaforme istituzionali quali ad esempio le Consulte Provinciali degli Studenti e il Forum delle Associazioni Studentesche Maggiormente Rappresentative, di cui è stato co-fondatore nel 2001.
Per entrambi gli aspetti il Movimento Studenti Cattolici mira a far risaltare la formazione e la responsabilizzazione degli studenti, che condividono i valori del Cattolicesimo, rendendoli soggetti attivi sempre più consapevoli della realtà sociale dei nostri giorni, con tutte le problematiche che essa può comportare, diventando così protagonisti del proprio domani.

Sito web: http://www.studenticattolici.it/

OPES – Organizzazione per l’educazione allo Sport

L’OPES – ORGANIZZAZIONE PER L’EDUCAZIONE ALLO SPORT è un Ente che promuove ed organizza, senza scopo di lucro, in collaborazione con le Associazioni Sportive Affiliate, numerose iniziative atletiche e ricreative, a carattere locale, provinciale e nazionale. Noi di OPES crediamo nello sport come mezzo per la trasmissione di valori. Per noi lo sport è una palestra di vita che insegna a socializzare e crescere, insegna ad impegnarsi e confrontarsi con i propri limiti nella convinzione che l’importante non è tanto partecipare, quanto dare sempre il massimo di se stessi. Non sempre un ottimo atleta è un grande uomo, ma un buon uomo è sempre un ottimo atleta. L’OPES propone lo sport come risposta al disagio dei giovani che troppo spesso, non trovando modelli giusti o punti di riferimento per crescere in una società sempre più frenetica, si trovano catapultati su strade senza sbocchi. L’ente infatti non si prefigge solo come scopo quello di aiutare le fasce più giovani degli sportivi, ma anche quello di combattere droga e doping . OPES crede nello sport come forma di divertimento, di ricreazione e di aggregazione di persone senza vincoli e differenze politiche, sociali o di razza. OPES si interessa di molteplici discipline sportive: ciclismo, calcio, rugby, volley, danza sportiva, arti marziali, nuoto… coinvolgendo un elevato numero di atleti sia a livello agonistico assoluto che al livello promozionale. Le iniziative e gli eventi sportivi organizzati da OPES costituiscono importanti ed elevati momenti di aggregazione sociale e di sviluppo dei rapporti comunitari, garantendo interessanti spazi di visibilità per coloro che a diverso titolo vi partecipano (squadre, atleti, dirigenti, aziende sponsor, enti pubblici e privati). OPES persegue l’ obbiettivo istituzionale di aumentare la quantità e di migliorare la qualità dei servizi sportivi promozionali e agonistici per tutte le componenti sociali. L’OPES si prefigge di promuovere l’attività sportiva amatoriale in molteplici discipline sportive sensibilizzando con appositi programmi e tecnici già i ragazzi delle scuole primarie fino ad arrivare alla categoria over 35. L’OPES opera anche nel campo della formazione, con l’obiettivo di creare, anche in collaborazione con le Federazioni professioniste del settore Sportivo, e ove possibile con contributi da parte delle istituzioni locali e nazionali, corsi di formazione per arbitri, atleti e dirigenti far crescere e migliorare le attività di ogni associazione a noi affiliata.

Sito web: http://www.opesitalia.it/

R.U.N. Rete Universitaria Nazionale

La Rete Universitaria Nazionale è l’organizzazione studentesca universitaria di riferimento della sinistra democratica. Il nostro impegno negli atenei italiani è al servizio di tutti.

Sito web: www.reteuniversitarianazionale.it

REDS Rete Degli Studenti Medi

La Rete Degli Studenti Medi è l’insieme delle associazioni di studenti delle scuole superiori attive in ogni città. Siamo una rete indipendente dai partiti, presente in tutta Italia. Ci caratterizziamo come sindacato studentesco: i nostri obiettivi sono difendere e implementare i diritti degli studenti dentro e fuori dalla scuola, come singoli e come componente scolastica, dal livello del singolo istituto fino a quello regionale e nazionale. Siamo impegnati ad ottenere sempre maggiori spazi di democrazia dentro alle scuole, nonchè spazi di partecipazione per gli studenti e le attività da essi ideati.

Siamo schierati per un autentico diritto allo studio per tutte e tutti. Siamo un’associazione fatta da e per gli studenti delle scuole. Siamo laici, antifascisti e contro tutte le mafie. Siamo democratici e trasparenti nelle nostre procedure e lavoriamo secondo il principio dell.orizzontalità: ogni associazione locale conta uguale a prescindere dal proprio modello organizzativo.

Tutti gli studenti e le studentesse possono aderire alla Rete indipendentemente dalla loro nazionalità, religione, appartenenza ideologica o di partito, orientamento sessuale. Associazioni, gruppi e collettivi studenteschi possono aderire alla Rete sulla base della condivisione dei principi elencati nel nostro Statuto Nazionale.

Sito web: http://www.retedeglistudenti.it/

SISM

Il Segretariato Italiano Studenti in Medicina – APS (SISM) è una libera Associazione diPromozione Sociale aconfessionale, apartitica e indipendente, presente in 39 Sedi Locali afferenti ad altrettanti Corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia. Diffusa su 17 regioni italiane diverse, si compone di quasi 10.000 soci (per la quasi totalità studenti universitari dell’area salute e delle professioni sanitarie) impegnati in sei Aree Tematiche nella strutturazione di attività e progetti rivolti sia verso gli studenti universitari che verso la popolazione generale, in campagne informative di promozione della salute, in iniziative di advocacy a favore delle categorie vulnerabili e laboratori di formazione permanente rivolta ai propri Soci.
Impegnata a sensibilizzare sui profili etici della professione medica, il SISM rifiuta discriminazioni di genere, razza, lingua, nazionalità, religione, ideologia politica e orientamento sessuale.
A livello internazionale Il SISM aderisce come membro effettivo alla International Federation of Medical Students’ Associations (IFMSA), una ONG che federa le varie Associazioni Nazionali di studenti in medicina di tutto il mondo, in relazione ufficiale con l’Organizzazione Mondiale della Sanità e il sistema Nazioni Unite.

Sito web: https://nazionale.sism.org/

Studenti fuori sede

L’associazione “Studenti Fuori Sede” (SFS) conta più di 13.000 iscritti e vede tra i componenti senior eccellenze nel campo scientifico, didattico e dirigenziale.

L’associazione promuove la creazione di un network europeo degli studenti offrendo agli stessi agevolazioni ed eventi di carattere sociale e culturale volti ad arricchire conoscenza e a favorire l’integrazione.

L’associazione, completamente apartitica, promuove tutte le attività necessarie a favorire l’attuazione del diritto allo studio per gli studenti universitari fuori sede in Italia ed all’estero attraverso una network in grado di offrire servizi essenziali per gli studenti fuori sede.

Con il sostegno dei nostri iscritti e dei nostri simpatizzanti, attraverso collaborazioni con altre realtà associative, forze sociali e con le istituzioni, ci impegnamo a dare voce alle esigenze degli studenti, a portare avanti attività che promuovano l’affermazione del diritto alla cultura, all’educazione ed alla formazione, promuovere scambi culturali nazionali ed internazionali, promuovere iniziative culturali, sportive, ricreative nonchè il turismo socio-culturale e dare voce agli studenti.

Sito web: www.studentifuorisede.eu

Studi Centro

StudiCentro “rinasce” nel 2011 dall’idea di dare voce e rappresentanza agli studenti moderati di tutta Italia. E’ una associazione studentesca nazionale impegnata a difendere la libertà, la democrazia e la meritocrazia nei luoghi di studio di tutta Italia. StudiCentro è impegnata in Italia e in Europa a riaffermare il ruolo degli studenti al centro dei sistemi educativi. StudiCentro fa parte di European Democrat Students, EUPAS, DEMYC e del Forum della Associazione Studentesche presso il MIUR.

http://www.studicentro.it/

UGEI – Unione Giovani Ebrei Italiani

Nata nel Congresso Costituente di Milano del 21 maggio 1995, l’U.G.E.I. (Unione Giovani Ebrei d’Italia) coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono” (art. 1 dello Statuto).
L’U.G.E.I. comprende tutti i giovani Ebrei d’Italia in età compresa tra i 18 ed i 35 anni.

Vengono organizzati diversi tipi di iniziative, come ad esempio la presenza in una città durante la Giornata Europea della Cultura Ebraica o l’intervento attivo in dibattiti pubblici, convegni e manifestazioni. Vi sono inoltre diversi eventi riservati agli iscritti all’Unione, come l’annuale Congresso Ordinario, l’evento invernale internazionale Wing e il weekend di Purim.

L’organo ufficiale di stampa dell’U.G.E.I. è Ha Tikwà, “giornale aperto al libero confronto delle idee nel rispetto di tutte le opinioni” (art. 33 dello Statuto). L’U.G.E.I. è la referente presso l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane per conto di tutte le associazioni giovanili ed è presente in qualità di osservatrice con diritto di parola alle sue riunioni di Consiglio ed ha diritto a presenziare durante il suo quadriennale Congresso.

Organo supremo dell’U.G.E.I. è il Congresso, che si riunisce annualmente, il quale ha il dovere esaminare il lavoro svolto in precedenza, analizzarlo, elaborarlo e dare indicazioni per il futuro dell’U.G.E.I.. Il Congresso nomina al suo interno il Consiglio Esecutivo, i quali membri sono tenuti a concretizzare nell’anno successivo le mozioni approvate dal Congresso.

Sito web: http://www.ugei.it/

UDS Unione degli Studenti

Siamo l’Unione degli Studenti, un’associazione nazionale autonoma, di ispirazione sindacale che difende ogni giorno nelle scuole i diritti delle studentesse e degli studenti.

Nel 2008 abbiamo preso parte all’Onda che ha sconvolto le nostre città, l’Italia intera.

Anche negli ultimi due anni non siamo rimasti a guardare di fronte allo smantellamento della scuola pubblica e dell’intero tessuto sociale. Vogliamo lottare al fianco dei lavoratori, dei precari, degli immigrati e dei più deboli. Pretendiamo riforme radicali per la scuola pubblica che partano da chi la vive ogni giorno, rivendichiamo maggiori investimenti per il mondo della conoscenza i quali non possono essere considerati come spese da tagliare, ma come risorse indispensabili per il nostro futuro. Siamo convinti che l’accesso al sapere e alla conoscenza per tutt* sia, nel nostro tempo, la vera sfida per far sì che ognuno possa sviluppare un proprio senso critico.
Chiediamo, per questo, una legge nazionale sul diritto allo studio che garantisca agli studenti un efficace “welfare studentesco”. Chiediamo scuole, trasporti e servizi pubblici di qualità; musei, cinema e teatri gratuiti, libri,musica e film a prezzi accessibili. La risposta dei governi di destra e centro-sinistra è stata insufficiente e dannosa. I processi di riforma della scuola degli ultimi 15 anni hanno abbassato la qualità dell’istruzione, limitandone il libero accesso.
Vogliamo una scuola dove gli studenti, con le loro idee e proposte, siano reali protagonisti. Per questo intendiamo ridare un senso al ruolo dei rappresentanti di classe e d’Istituto, ai Comitati studenteschi, alle Consulte provinciali e ai collettivi, facendo in modo che abbiano un maggiore potere decisionale sulle scelte che influenzano il mondo della scuola, che siano reali luoghi di partecipazione e che incentivino soprattutto l’impegno quotidiano dei singoli studenti.
Rigettiamo provvedimenti come il Progetto di Legge Aprea e il voto di condotta che mirano alla privatizza zione delle scuole e all’annullamento del ruolo degli studenti, già attualmente sotto attacco di presidi e docenti autoritari.
Chiediamo una didattica nuova, che sappia coinvolgere gli studenti e stimolare la curiosità e lo spirito critico di ognuno; metodi d’insegnamento moderni e di inclusione. Chiediamo che siano rispettate le inclinazioni, le aspettative e le capacità di tutti, che le lezioni non siano più il mero passaggio di nozioni da chi sta al di là a chi sta al di qua della cattedra, ma che siano il frutto di un lavoro comune svolto anche grazie all’utilizzo di nuovi strumenti, testi e metodi didattici.

Chiediamo, inoltre, la valutazione del lavoro dei professori e che gli studenti abbiano voce in questo processo.

Continuiamo a ribadire che di scuola, così come di lavoro e di carcere, non si può morire e non accettiamo la superficialità con cui questi argomenti continuano ad essere trattati.

Da anni chiediamo un fondo nazionale straordinario per l’edilizia scolastica, grande emergenza nel Paese. Per questo stiamo realizzando un Dossier, monitorando e segnalando tutte le situazioni di pericolo.
Vogliamo una scuola pubblica, laica, democratica, solidale e antifascista che veda le differenze come una risorsa da valorizzare. Mai più dovranno esserci discriminazioni basate sulla cultura, sulla nazionalità, sulla religione, sul colore della pelle, sull’orientamento sessuale, sull’ identità di genere, ecc.

Siamo consapevoli di vivere in un mondo globale e pretendiamo risposte globali ai grandi problemi del nostro tempo, dalla crisi economica, alle tante guerre dimenticate, alle reti mafiose e malavitose. Chiediamo che il diritto allo studio per tutt* sia riconosciuto a livello mondiale come traguardo da raggiungere quanto prima.
L’Unione degli Studenti ha fatto molta strada in questi anni, ma abbiamo ancora molte lotte da affrontare. Abbiamo dato vita al progetto della “Rete della Conoscenza” assieme a Link-Coordinamento Universitario, con l’obiettivo di unificare la rappresentanza e il conflitto di ogni luogo di produzione del sapere e rilanciare una battaglia più ampia in nome dell’ampliamento dei diritti e della difesa dei beni comuni.

Per questo ti chiediamo di partecipare, di dare voce alle tue idee, di batterti per i tuoi diritti!

Facebook Unione degli Studenti

UDU Unione degli universitari

L’Unione degli Universitari è un’organizzazione nazionale e confederativa di rappresentanza sociale degli studenti universitari, di impegno sindacale, politico, civile e di volontariato all’interno e fuori dell’Università. E’ un’organizzazione democratica, antifascista, pacifista, multietnica, laica, ambientalista, antirazzista e non-violenta, autonoma e senza fini di lucro.

Scopi
L’Unione degli Universitari si articola in sedi di vita democratica e di aggregazione universitaria per perseguire:

– l’affermazione e la tutela dei diritti degli studenti universitari e di chi suo malgrado, all’Università non è iscritto;
– la difesa del carattere pubblico e democratico dell’Università italiana, della qualità della didattica, della libertà della ricerca e dell’autonomia intesa come autogoverno della comunità universitaria, nel rispetto di tutte le componenti;
– l’affermazione del diritto allo studio quale possibilità oggettiva di accesso alla formazione superiore e di sostegno fino alla conclusione del percorso formativo;
– la rappresentanza sindacale e sociale degli studenti universitari in tutti gli organi di rappresentanza studentesca e giovanile previsti dalla normativa;
– la difesa del valore legale dei titoli di studio e l’affermazione del legame tra formazione superiore e trasformazione del mercato del lavoro e della qualità della produzione e dello sviluppo;
– il sostegno materiale degli studenti attraverso attività di orientamento, editoriali, aggregative, culturali e attraverso l’erogazione dei servizi, anche mediante convenzioni e patti con soggetti esterni;

Sito web: http://www.unionedegliuniversitari.it/

UIL Giovani

La UIL giovani si occupa di analizzare e discutere tematiche e politiche di interesse giovanile negli ambiti più diversi, dall’università al volontariato, dallo sport agli scambi culturali fino al tempo libero ed altro ancora. Nel fare tutto questo ci avvaliamo quotidianamente della collaborazione di varie organizzazioni che, come per esempio nel caso del Forum nazionale dei giovani, abbiamo a volte contribuito a fondare per cercare di offrire ai giovani un’occasione di discussione e di conoscenza reciproca, convinti che lo scambio di opinioni e di idee possa arricchire l’azione giovanile stessa e sia in grado di promuovere il dialogo tra realtà differenti. Proprio per questo motivo, tramite i progetti da noi promossi soprattutto con il sostegno dell’ETUC-CES, cerchiamo di favorire l’interscambio tra giovani sindacalisti di paesi diversi, europei e non, affinché i problemi di relazione e comunicazione tra sindacati e nuove generazioni, possano essere affrontati con una consapevolezza più ampia e completa delle problematiche e della situazione a livello internazionale oltre che interno.

Sito web: http://www.uil.it/

UISP – Unione Italiana Sport Per tutti

L’Uisp (Unione Italiana Sport Per tutti) è l’associazione di sport per tutti che ha l’obiettivo di estendere il diritto allo sport a tutti i cittadini. Lo sport per tutti è un bene che interessa la salute, la qualità della vita, l’educazione e la socialità. In quanto tale esso è meritevole di riconoscimento e di tutela pubblica.
Lo sport per tutti è un diritto, un riferimento immediato ad una nuova qualità della vita da affermare giorno per giorno sia negli impianti tradizionali, sia in ambiente naturale. Lo sport per tutti interpreta un nuovo diritto di cittadinanza, appartiene alle “politiche della vita” e, pur sperimentando numerose attività di tipo competitivo, si legittima in base a valori che non sono riconducibili al primato dell’etica del risultato, propria dello sport di prestazione assoluta.
Sportpertutti, una parola sola, nuova, che esiste nella realtà e non ancora nel vocabolario. Abbiamo scelto questa identità, abbiamo deciso di mettere al centro dell’Uisp il soggetto, il cittadino, le donne e gli uomini di ogni età, ciascuno con i propri diritti, le proprie motivazioni, le proprie differenze da riconoscere e da valorizzare: le diverse età, le abilità, le disabilità, le differenze sessuali, le diverse motivazioni alla pratica sportiva.
L’unica differenza che combattiamo é quella che nasce dalla disuguaglianza sociale, dalla mancanza di pari opportunità.
Sportpertutti significa riscrivere la nostra proposta sportiva, ridisegnare l’attività di ogni disciplina “a tua misura”, intorno al profilo di ciascuno, portando bene in luce il profilo dell’Uisp: la cultura dei diritti, dell’ambiente, della solidarietà.

Sito web: http://www.uisp.it/nazionale/pagina/chi-siamo

Unione Generale del Lavoro

L’UGL Giovani nasce nel 1996 con l’obiettivo di tutelare le esigenze fondamentali dei giovani di età inferiore ai 35 anni. L’UGL Giovani è presente su tutto il territorio nazionale ed è strutturata con un coordinamento centrale e coordinamenti regionali e provinciali. L’UGL Giovani concentra la sua attività su quattro macroaree: “Formazione e Orientamento”, “Lavoro”, “Incentivi e Agevolazioni”, “l’Europa”.

Sito web: http://www.ugl.it/

Yezers

Yezers, fondata nel 2018, è la prima “startup politica” in Europa, con l’obiettivo di scrivere il futuro del Paese, influenzando l’agenda politica ed economica, portando le esigenze dei giovani e la mentalità delle startup nelle Istituzioni. Con oltre 500 giovani membri, a fine 2020, Yezers è un incubatore di talenti e idee, con decine di proposte attive e altrettante in fase di sviluppo.

Al fine 2020, Yezers è stata riconosciuta come una delle Global Highly Impactful Initiatives dalla più importante business school portoghese, NOVA SBE; ha ricevuto l’approvazione pubblica e ufficiale del Ministro dello Sviluppo Economico e del Ministro in persona; è stata inserita tra gli stakeholder ufficiali del Piano Aria Clima del Comune di Milano; ha vinto il Climathon-KIC con una proposta sulla mobilità dolce; ha tenuto alcuni TED; sta lanciando una startup a impatto sociale (Advelo) che segue un processo di incubazione con D-Pixel; ha organizzato e / o partecipato a oltre 60 eventi nell’ultimo anno, dai Colloqui di Tortona con la Fondazione Feltrinelli, al festival “Il Verde e Il Blu” di Milano, a cui hanno partecipato Commissari Europei, politici e dirigenti d’azienda, al One Young World Summit a Londra, volto a mettere in contatto la nostra comunità con i decisori e ad avviare proficui scambi di idee e prospettive.

Proprio con l’obiettivo di costruire un ponte tra i giovani e i decisori, portando la cultura, metodologia e approccio delle startup alla cosa pubblica, ha incontrato e coinvolto decisori e opinion-maker, tra cui figurano Enrico Letta (già Presidente del Consiglio), il Ministro dello Sviluppo Economico On. Stefano Patuanelli, il Prof. Enrico Giovannini (già Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali), il Prof. On. Lorenzo Fioramonti (già Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), Piero Pelizzaro (Chief Resilience Officer della città di Milano), il Prof. Marco Simoni (Presidente della Human Technopole Foundation), il Prof. Carlo Cottarelli (già Commissario Straordinario per la Spending Review), l’attivista Marco Cappato e gli chef Carlo Cracco e Davide Oldani.

Yezers non ha alcuna affiliazione politica: accoglie volontari con opinioni politiche differenti e le sue idee e proposte non rappresentano un partito specifico. Yezers è finanziato unicamente dalle donazioni annuali della comunità e non conta sul supporto di alcuna organizzazione esterna.

Sitoweb: https://yezers.it

Youthmed

“YOUTHMED” è un network internazionale di studenti, giovani attivisti e associazioni che promuove il dialogo interculturale e la cooperazione giovanile nella regione mediterranea.  YouthMed opera all’interno della rete universitaria Unimed con l’intento di creare un ponte tra i giovani del Mediterraneo, investendo sulla mobilità, l’interscambio culturale e progettuale. L’associazione promuove la partecipazione attiva dei giovani, attraverso azioni di Youth Policy ed advocacy.

Sito web: www.youthmed.net

Youth Action for Peace Italy

Youth Action for Peace Italia é un’associazione nazionale ed internazionale, laica, non governativa e senza fini di lucro, fondata nel 1971, membro del CCIVS – UNESCO (Coordinating Comitee for International Voluntary Service) e di ALLIANCE of European Voluntary Service Organisations

Sito web: http://www.yap.it

ANCI Giovani

ANCI Giovane è la Consulta dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani che riunisce e rappresenta la realtà degli amministratori under 35. Una struttura, interna all’ANCI, che attraverso le proprie articolazioni, iniziative ed attività ha l’obiettivo di mettere in rete, valorizzare e promuovere i giovani amministratori attivi e presenti in tutti i Comuni.

Gli scopi principali sono diversi: la formazione, essere veicolo sul territorio di progetti, iniziative e proposte che possano qualificare le comunità permettendo agli enti locali, ed ai giovani amministratori, di essere soggetti di cambiamento ed innovazione nelle Istituzioni. Insomma un organismo che faccia esprimere quanto di meglio l’impegno di tante ragazze e ragazzi sul territorio, riesce a produrre in termini di partecipazione attiva nei Comuni.

I giovani amministratori non rappresentano soltanto la “classe dirigente del futuro”: sono sindaci, assessori, consiglieri già oggi attivi nelle comunità locali. Impegnati nella loro amministrazione, promozione, sviluppo. Essi rappresentano uno dei fattori cardine per l’ammodernamento dei nostri Comuni; sono il segnale che negli enti locali, il tema del ricambio non è un “pour parler” ma una realtà che spesso politica e studiosi non riescono a “vedere”. Una realtà che si sviluppa silenziosa e lontana dal clamore del dibattito pubblico secondo l’adagio: “fa più rumore l’albero che cade che la foresta che cresce”.

Sito web: www.anci.it/

Campus Salute Onlus

Il Campus Salute ONLUS nasce nel 2010 per la volontà di un gruppo di professionisti che decidono di mettere in campo le loro esperienze per la promozione della salute, della prevenzione delle malattie e delle disuguaglianze sociali in tema di salute e di prevenzione.

Il suo nome iniziale “Il Villaggio della Salute” è stato sostituito nel novembre 2012 dalla sua denominazione ufficiale “Campus Salute” per meglio rappresentarne la missione strategica e per rispondere alle esigenze di uno sviluppo nella comunità europea (la versione inglese Health Campus).

Lo Scopo del Campus Salute ONLUS è la promozione e la diffusione della cultura della prevenzione primaria delle malattie attraverso iniziative di tipo sanitario, culturale, educativo e scientifico. Tra le tante iniziative già effettuate: congressi e convegni sui temi dell’alimentazione con particolare riguardo alla protezione della dieta mediterranea e della cultura della salute, campagne informative nelle scuole e numerose manifestazioni con visite gratuite.

Infatti, il “must” del Campus Salute ONLUS è l’organizzazione di un vero e proprio ospedale da campo con ambulatori specialistici organizzati nelle piazze e/o in luoghi pubblici per avvicinare la popolazione alla visita medica specialistica al di fuori delle strutture deputate a tali attività come ospedali, presidi ospedalieri, ambulatori pubblici e privati. Questa organizzazione permette di effettuare prestazioni specialistiche di elevato valore professionale evitando alla popolazione il contatto con l’ambiente ospedaliero, foriero di contenuti psicologici non sempre ben accetti da chi si sente in buona salute.

Sito web: http://www.campussalute.it/onlus/

CNSU

Il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari è organo consultivo di rappresentanza degli studenti iscritti ai corsi attivati nelle università italiane, di laurea, di laurea specialistica e di specializzazione e di dottorato. Esso formula pareri e proposte al Ministro dell’istruzione,università e ricerca: sui progetti di riordino del sistema universitario predisposti dal Ministro;• sui decreti ministeriali, con i quali sono definiti i criteri generali per la disciplina degli ordinamenti didattici dei corsi di dei corsi di studio universitario, nonché le modalità e gli strumenti per l’orientamento e per favorire la mobilità degli studenti;• sui criteri per l’assegnazione e l’utilizzazione del fondo di finanziamento ordinario e della quota di riequilibrio delle università.• Elegge nel proprio seno otto rappresentanti degli studenti nel Consiglio Universitario Nazionale;• Può formulare proposte e può essere sentito dal Ministro su altre materie di interesse generale per l’università;• Presenta al Ministro, entro un anno dall’insediamento, una relazione sulla condizione studentesca nell’ambito del sistema universitario;• Può rivolgere quesiti al Ministro circa fatti o eventi di rilevanza nazionale riguardanti la didattica e la condizione studentesca, cui è data risposta entro 60 giorni.Il C.N.S.U. è composto da ventotto componenti eletti dagli studenti iscritti ai corsi di laurea e di laurea specialistica, da un componente eletto dagli iscritti ai corsi di specializzazione e da un componente eletto dagli iscritti ai corsi di dottorato di ricerca. I componenti sono nominati con decreto del Ministro, durano in carica due anni e sono rieleggibili. Il C.N.S.U. elegge nel proprio seno il Presidente e tre membri che compongono l’Ufficio di Presidenza.

Sito web: http://www.cnsu.miur.it/

FENAGIFAR – Federazione Nazionale Associazioni Giovani Farmacisti 

La FENAGIFAR nasce ufficialmente nel 1989 (ma il progetto generale risale al 1982) con lo scopo di fornire ulteriore supporto tecnico e professionale ai neolaureati delle facoltà di farmacia e di CTF. Attualmente le associazioni provinciali, denominate A.GI.FAR., sono oltre 50 e le regionali sono 4, per un totale circa di 7000 associati con una organica ed omogenea distribuzione sul territorio nazionale.

Gli organi della Federazione sono:

  • l’Assemblea dei delegati nominati dalle Associazioni provinciali
  • il Consiglio Nazionale, eletto dall’assemblea e composto da nove Consiglieri
  • il Collegio dei Revisori dei Conti, composto da 3 Consiglieri effettivi e 2 supplenti
  • il Consiglio dei Probiviri composto da tre Consiglieri.

Il Consiglio Nazionale nomina un Presidente, due Vicepresidenti, un Segretario ed un Tesoriere. Attualmente il mandato è triennale.

La Federazione è per statuto una realtà in continua evoluzione perché sia il limite anagrafico che la non rieleggibilità del Presidente, impongono un continuo ricambio che dimostra come si possa rappresentare in modo nuovo la professione.

compiti istituzionali di FENAGIFAR sono:

  • la rappresentanza ufficiale degli iscritti,
  • il coordinamento delle iniziative svolte dalle singole associazioni,
  • l’organizzazione di eventi di rilevanza nazionale,
  • la promozione costante di cultura sanitaria e di aggiornamento professionale,
  • la collaborazione con l’Università degli Studi e con gli organismi ufficiali di rappresentanza della categoria.

La FENAGIFAR ha dimostrato come i giovani sappiano confrontarsi con impegno ed entusiasmo nelle tematiche professionali e contemporaneamente dimostrare che la categoria può e deve cambiare per adeguarsi ai tempi.

La Federazione ha un proprio organo ufficiale di informazione, la newsletter bimestrale OPEN.

Numerose sono le iniziative che mantengono il comune obiettivo di collaborare con gli organi preposti per affermare la professionalità del farmacista in generale, e del giovane farmacista in particolare, indagando nuove tematiche di sviluppo che vanno dalla medicina omeopatica e fitoterapica, alla galenica magistrale senza escludere l’analisi di aspetti particolarmente innovativi quali la predisposizione alla diagnostica di prima istanza, l’utilizzo dell’informatica per un servizio autonomo di accesso alle informazioni sanitarie da parte degli utenti, l’assistenza farmaceutica domiciliare, la telemedicina, l’integrazione territoriale delle farmacie come presidi sanitari multifunzionali.

Oggi FENAGIFAR rappresenta un punto di riferimento sicuro per tutte le forze dinamiche e propositive della categoria e per tutti coloro che si adoperano per lo sviluppo del farmaco e la salvaguardia della salute.

 

Sito web: http://www.fenagifar.it/

 

 

FRG Umbria

Costituito nel 2014, durante il processo di candidatura di Perugia al titolo di Capitale Europea dei Giovani 2017, è la piattaforma regionale di 63 organizzazioni giovanili che ne hanno sottoscritto lo Statuto. Attualmente vanta 101 organizzazioni locali, rappresentando oltre 59.000 giovani sul territorio regionale. Il Forum ha un proprio Statuto e 9 membri eletti della Giunta. Il Forum è pensato ” quale luogo di incontro tra i Giovani della Regione Umbria, finalizzato al confronto, alla progettazione e alla partecipazione politica, culturale e sociale” (Art. 1, Statuto FRGU). È un organismo di rappresentanza, il cui ruolo è quello di rinsaldare la rete dei rapporti tra le associazioni giovanili ed essere promotore degli interessi giovanili presso Comune, Regione, Governo, Parlamento, le Istituzioni sociali ed economiche e la società civile. Insieme al Comune di Perugia, FRGU ha implementato il Programma della Capitale Italiana dei Giovani 2016. Perugia è stata la prima città a fregiarsi di questo titolo. Partecipa in qualità di membro osservatore ai lavori del Gruppo di Lavoro Nazionale del Dialogo Strutturato/Dialogo dell’UE con i giovani.

Pagina FB: https://www.facebook.com/pg/FORUM-Regionale-Giovani-Umbria-790061591087369/about/?ref=page_internal

Fnovi

La Fnovi (Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani) ha sede in Roma, Via del Tritone 125. La vita della federazione è regolata dal Decreto Legislativo del Capo Provvisorio dello Stato n. 233 del 13 settembre 1946 e dal decreto del Presidente della Repubblica n. 221 del 5 aprile 1950. Alla Federazione sono obbligatoriamente iscritti tutti i medici veterinari italiani che svolgano attività professionale. L´organo di governo è il Comitato Centrale composto da 13 membri veterinari che durano in carica 3 anni. E´ previsto anche il Collegio dei revisori dei Conti. Il Comitato Centrale è eletto dal Consiglio Nazionale formato dai Presidenti degli Ordini Provinciali.

Sito web: http://www.fnovi.it/

M.G.S – Movimento giovanile della sinistra 

Il Movimento giovanile della sinistra nasce a Roma nel settembre del 2017.

Raccoglie ragazze e ragazzi che si riconoscono nei valori della tradizione socialista europea, fa della battaglia politica per il rinnovamento della sinistra italiana il proprio tratto distintivo. Siamo convinti che le proposte politiche oggi in campo siano insufficienti, inadeguate. Denunciamo lo scarso coraggio degli attori protagonisti del nostro campo nel raccontare all’Italia un futuro costruito sulla redistribuzione di potere e ricchezza, sull’azzeramento dei divari territoriali, sul rilancio della vocazione industriale del Paese, sulla conversione ecologica del nostro modello di sviluppo. Vogliamo contribuire alla riorganizzazione di una forza progressista capace di convincere e appassionare, e per questo non ci sottraiamo alla discussione e alla lotta nei soggetti esistenti. In questi anni lo abbiamo fatto adattando iniziative e strategia all’evolversi del quadro politico. Se come noi non vuoi rassegnarti a una politica sempre più autoreferenziale e sempre meno all’altezza delle sfide dell’oggi e del domani, benvenuto tra le nostre fila!

Sito web: https://www.mgsonline.it/

TORTUGA

Tortuga è il primo think tank di giovani professionisti, studenti e ricercatori nel campo dell’economia e delle scienze sociali in Italia. Ci occupiamo di offrire supporto alle istituzioni, ai politici e alle aziende del nostro paese nell’ambito del policy-making. Sviluppiamo proposte di politiche pubbliche e scriviamo articoli su temi di economia e politica pubblicati su diverse testate cartacee e online. Siamo oltre 50 membri, sparsi tra varie città italiane, europee e statunitensi. Siamo un’associazione no-profit, autofinanziata e indipendente. Il nostro motto è “Non arrivarci per contrarietà”, che esprime il nostro approccio propositivo e proattivo alle sfide che affrontiamo. Crediamo sia possibile dare vita ad una Italia in cui ciascun cittadino abbia l’opportunità di realizzare le proprie aspettative di vita.

Sito web: https://www.tortuga-econ.it/

TURISPORT EUROPE

Associazione di Promozione Sociale riconosciuta dal Ministero dell’interno per le finalità assistenziali, organizzazione iscritta all’ISCA (International Sport and Culture Association),all’ISDPA (International Sport for Development and Peace Association),al Registro per la Trasparenza dell’Unione Europea,allo Schedario dell’Anagrafe Nazionale delle Ricerche del MIUR (Ministero dell’Istruzione,dell’Università e della Ricerca.

Sito web: https://www.turisporteurope.it/